Home

‘Ndrangheta, il boss gestiva spaccio dal carcere: 37 arresti

Reggio Calabria – Dal traffico di droga alla rivelazione di segreti d’ufficio. E persino un boss della ‘Ndrangheta che dal carcere dirigeva un giro di spaccio smistando ‘pizzini’ fuori dalle mura dall’istituto di detenzione. Dalle prime ore di martedì, in provincia di Reggio Calabria ed in quelle di Roma, Verbania e Vibo Valentia, si è svolta una vasta operazione dei carabinieri del comando provinciale reggino per l’esecuzione di 37 provvedimenti di fermo nei confronti di altrettanti presunti appartenenti alla `ndrangheta. I provvedimenti sono stati emessi dalla Procura antimafia di Reggio Calabria, che ha anche disposto numerose perquisizioni.

L’operazione riguarda la Piana di Gioia Tauro, ed in particolare la zona di Cinquefrondi. Il reato contestato alle persone fermate è l’associazione per delinquere di tipo mafioso, insieme a detenzione e porto di armi da guerra e comuni da sparo, ricettazione, rivelazione ed utilizzazione di segreti d’ufficio, favoreggiamento personale, traffico e detenzione illeciti di sostanze stupefacenti o psicotrope, estorsione, furto, spendita e introduzione nello Stato previo concerto di monete falsificate e danneggiamento seguito da incendio: reati tutti aggravati dal metodo mafioso.

L’indagine riguarda anche Roma e il Lazio. Nove le persone alle quali stanno notificando un’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal gip del Tribunale di Roma, su richiesta della Direzione distrettuale Antimafia di Roma. Nell’ambito dell’operazione sono in corso anche numerose perquisizioni e sequestri di beni nei comuni di Roma, Tivoli, Guidonia Montecelio, Castelnuovo di Porto, Africo Nuovo e Bovalino, queste ultime nella provincia di Reggio Calabria. Per quattro dei 9 indagati destinatari delle misure cautelari, tutti di nazionalità italiana, l’accusa è di far parte, a vario titolo, di un’associazione per delinquere operante nella provincia di Roma, finalizzata allo spaccio di stupefacenti, provenienti dalla Calabria, con l’aggravante della disponibilità delle armi, dell’impiego di minorenni nell’attività di spaccio e di aver agevolato l’attività della ‘ndrangheta con articolazioni operanti in Calabria e nel Lazio per il controllo delle attività illecite sul territorio.

Secondo gli inquirenti, a capo dell’associazione, ci sarebbe un 34enne, originario di San Luca (Reggio Calabria). All’uomo, contiguo alla cosca della ‘ndrangheta Nirta-Romeo-Giorgi è stata anche contestata l’intestazione fittizia di attività commerciali. A riscontro del fatto che l’attività illecita venisse condotta per conto della ‘ndrangheta, nel corso delle indagini, svolte dai carabinieri della compagnia di Tivoli, sono stati recuperati i ‘pizzini’, manoscritti da un elemento apicale della ‘ndrangheta, attualmente detenuto in carcere, che contenevano delle ‘istruzioni’ su come l’organizzazione dovesse muoversi nella gestione dei traffici illeciti.

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Il teatro come risposta al razzismo: i ragazzi del Liceo 'Massimo' di Roma in scena a Maiano di Sessa Aurunca - https://t.co/B6pk2ZbEXD

A Capri arrivano 100 scacchisti per il torneo internazionale intitolato a Lenin - https://t.co/R2LTiCIYy5

Strage di San Marco in Lamis: arrestato uno dei killer - https://t.co/uKHKewnXeh

Roma, ritrovati dipinti del '600 rubati ai Parioli - https://t.co/9bD7hw89N4

Condividi con un amico