Aversa

Anact, Santulli il più votato nel segno del cambiamento

Aversa – Oltre ogni previsione, nel corso delle elezioni in seno all’Anact (Associazione Nazionale Allevatori del Cavallo Trottatore) Paolo Santulli ha riportato 379 voti, paradossalmente più del presidente Valter Ferrero, 352, anche se erano votazioni distinte; Piero Eingenmann 329, secondo vicepresidente eletto a 50 voti da Santulli; Moscati 294 voti, a 58 voti da Ferrero; poi il primo dei vice presidenti non eletto, Nicola Benini 306 voti, a 23 voti da Eingenman; infine Marco Zafferoni a 243 voti.

Questa meticolosa analisi a dimostrare che gli allevatori del trotto italiani hanno fatto una scelta precisa, volevano voltare pagina, Santulli era l’unico nome nuovo presentato alle elezioni, tenuto conto che Ferrero era già vice presidente dell’associazione e ancora prima nell’assemblea, quale delegato del Piemonte. Piero Eingenman era già nell’assemblea quale delegato della Lombardia.

Quindi la cordata vincente ha avuto in Santulli, un trascinatore, un po per la novità, ma anche un po, perché sostenuto al nord anche da Lega Ippica, di cui è componente del consiglio di amministrazione in rappresentanza dei proprietari del trotto.

Purtroppo per Moscati, Benini e Zafferoni, la cordata che ha perso, non solo non c’erano novità, ma anzi erano sostenuti da un potere consolidato che certamente, visti i risultati, non ha assolutamente aiutato gli allevatori e con essi l’ippica tutta.

Il Risultato di queste elezioni va oltre il mero significato numerico e degli uomini eletti, ma segna lo spartiacque tra due epoche. Gli allevatori del trotto italiano hanno indicato la strada del cambiamento e si aspettano molto dai “nuovi” eletti.

La crisi dell’ippica tutta deve essere affrontata con nuova risolutezza ed “unità”. Ci auguriamo che la svolta dell’Anact possa rappresentare la nuova presa di coscienza delle categorie tutte del settore, per ottenere ad una sola voce il rispetto di una eccellente filiera produttiva, molto trascurata e penalizzata dalla politica italiana.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico