Cesa

Accuse su debiti fuori bilancio, Di Santo: “Il M5S fa male i conti”

Cesa – “Le esternazioni del Movimento Cinque Stelle, sull’ultimo consiglio comunale, lasciano intendere che si ha poca dimestichezza con la gestione dei conti comunali”. Lo afferma l’assessore al Bilancio, Filomena Di Santo, dopo le accuse rifilate alla maggioranza dai cinquestelle sui debiti fuori bilancio, ritenuti “frutto di un disordine amministrativo” (leggi qui).

“Sono stati effettuati – spiega l’assessore – riconoscimenti di debiti fuori bilancio, causati dall’enorme mole di sentenze civili sfavorevoli all’ente e decreti ingiuntivi. Il riconoscimento dei debiti fuori bilancio è un adempimento obbligatorio e previsto per legge, per contabilizzare le uscite non impegnate. I debiti fuori bilancio riguardavano vicende degli anni pregressi e sono stati riconosciuti dalla maggioranza ‘Primavera Cesana’, insediatasi a giugno 2015. Se si legge attentamente alcune sentenze, oggetto del riconoscimento come debito fuori bilancio, si evince chiaramente che le stesse erano già state pronunciate dagli organi giuridici durante il mandato della precedente amministrazione, la quale non ha provveduto ad effettuare gli opportuni accorgimenti contabili. Come ho dichiarato in Consiglio, tenutosi lo scorso 30 novembre, alcuni debiti riguardano situazioni spiacevoli che sono anche state mal gestiste e affrontate dalla precedente amministrazione con notevoli aggravi di spese alle casse dell’ente.  Altre invece le stiamo affrontando noi, dall’inizio del mandato”.

“Oltre al riconoscimento dei debiti – continua Di Santo – vi è stata anche una complessa manovra di variazione di bilancio, per accertare, contabilmente, anche delle entrate nuove. Basti pensare che, grazie al lavoro di questa amministrazione comunale, sono stati incassati circa 65 mila euro di crediti da parte del Consorzio Idrico Terra di Lavoro. Grazie al lavoro di questa amministrazione saranno posti all’incasso dei buoni postali, giacenti presso le casseforti del comune, per cui introiteremo circa 70 mila euro. Poi abbiamo ereditato situazioni come quelle relative a opere pubbliche finanziate dalla Regione Campania, rispetto alle quali il comune è ancora in attesa di ricevere parte dei fondi. Per queste vicende abbiamo già sollecitato gli uffici regionali e contiamo nei prossimi giorni di avere degli incontri diretti con i responsabili per venirne a capo. Abbiamo ereditato questioni pendenti con Equitalia, che pure mediante notifiche di cartelle, aveva richiesto cifre elevate. Alcune di queste questioni sono state risolte, facendo risparmiare all’ente delle somme importanti, ed altre sono in corso di risoluzioni”.

Per quanto riguarda, infine, il contenzioso, l’assessore fa sapere che “è in atto una attività di costante verifica e controllo, anche grazie al lavoro del responsabile dell’Ufficio Finanze, Pasquale D’Alesio, e della segretaria comunale, Stefania Pignetti”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico