Napoli Prov.

Interravano eternit e rifiuti pericolosi nelle campagne del Napoletano

I carabinieri della compagnia di Giugliano hanno sorpreso tre operai che, utilizzando una pala meccanica e una macchina operatrice, stavano sotterrando rifiuti speciali – tra i quali anche lastre di eternit – in appezzamenti di terreno a Mugnano e a Marano, a nord di Napoli.

A Mugnano sono stati denunciati due operai di 57 e 50 anni del luogo. Il 50enne è stato sorpreso in una area agricola di circa 8mila metri quadrati, in via Brodolini. Con una pala meccanica stava ricoprendo una grossa buca nella quale erano stati sversati rifiuti speciali (lastre di eternit, plastica, imballaggi metallici, materiale di scarto edile e legno), area di proprietà del 57enne che è stata sottoposta a sequestro.

L’altra sorpresa a Marano di napoli, in via Castrese Scaja, in un terreno di circa 1800 metri quadrati. Un imprenditore 43enne e un operaio 52enne, già noti alle forze dell’ordine, erano a bordo di una macchina operatrice e stavano nascondendo con lo stesso metodo rifiuti speciali (pneumatici consumati, materiale di risulta di demolizioni edilizie, bitume e contenitori di plastica).

Denuncia per il proprietario del fondo, un disoccupato 41enne di Marano, figlio di un latitante ritenuto elemento di spicco del clan camorristico dei ‘Polverino’. Anche in questo caso l’area è stata sequestrata. Denuncia anche per un operaio 27enne di Melito che aveva abbandonato il rottame di una Fiat 500 in una area agricola di sua proprietà in via Brodolini, sempre a Mugnano, rottame che è considerato un rifiuto speciale e che è stato sequestrato.

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Cesa, rinnovata convenzione con Gloria Village: sconti per residenti - https://t.co/goyg0r2mE1

Cesa, festa in onore di San Cesario: il programma https://t.co/0qFtGCQH3C

Aversa, cancro della mammella e della cervice uterina: screening al ‘Moscati’ https://t.co/8YOxdS5sW6

"Punta il piccione e spara": la giornalista Marilù Musto racconta la vita del pentito Buttone - https://t.co/RFHWEnkeHn

Condividi con un amico