Home

Aurora Ramazzotti: “Io una privilegiata”

È onesta e schietta Aurora Ramazzotti che conferma, a Vanity Fair, di esser una privilegiata e di vivere avventure e situazioni impossibili senza il suo cognome.

“Senza rischio, non c’è felicità” cinguetta la figlia di Eros e Michelle Hunziker che in un’intervista a Vanity Fair replica alle polemiche e alle critiche degli ultimi tempi: “Le critiche? Sinceramente mi aspettavo ben di peggio. Sono una privilegiata. So benissimo di avere avuto una possibilità che, senza il mio cognome, non mi sarebbe arrivata, o comunque non con questa facilità…” ammette. “Credo davvero nelle mie capacità, ma sicuramente là fuori c’è qualcuno molto più bravo di me che questa possibilità non l’ha avuta perché è figlio di gente comune… È da quando sono piccola che vedo mia madre in Tv e mio padre sul palco, e sogno di essere come loro” continua la baby Ramazzotti.

Travolta dalle critiche perché ritenuta la figlia “raccomandata”, Aurora risponde con piglio deciso: “Non sono bionda, non ho gli occhi azzurri, non sono magra, alta, bella. Oggi mi dicono: ‘Hai una bellezza particolare, che splendidi occhi a mandorla’. Ma, quando ero piccola, la ‘bellezza particolare’ non se la cagava nessuno. Mi dicevano: ‘Cinese’, ‘Cicciona’. Per non parlare dell’adolescenza, quel periodo orrendo dagli 11 ai 15, quando ti sviluppi, escono i brufoli, la ciccetta. Mi sono trovata bersaglio di cattiverie atroci. (…) Se in più, come è successo a me, vai su Internet e trovi le foto in costume di te e tua mamma con un titolo che suona tipo ‘Michelle 34 anni, Aurora 14, è più figa la madre della figlia’, ti senti piuttosto male.A nulla serviva che mia madre mi facesse mille complimenti: la sicurezza doveva venire da dentro di me… Mi rendo conto di essere stata, per lei, una figlia particolarmente difficile da crescere” ha detto in ultimo Aurora.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico