Campania

Formazione, le scuole campane in stato di agitazione

Napoli – Disparità di trattamento, da Provincia a Provincia, per le modalità di visite ispettive. Ma anche scadenze a brevissimo termine che richiedono risposte veloci degli Enti istituzionali preposti: è per questo che dal 27/11/2015 e fino a data da destinarsi le scuole di formazione professionale facente capo a Si.Form. e Movimento Libero e Autonomo delle scuole di formazione autofinanziate (in totale circa 160 enti) hanno proclamato lo stato di agitazione. La decisione segue la riunione tenuta nei locali della scuola di formazione ACIIEF a cui hanno partecipato numerosi rappresentanti delle scuole di formazione aderenti.

“Vogliamo che venga stilato un protocollo univoco per tutti gli enti di formazione professionale in Campania – tuona il presidente del Movimento, Luca Lanzetta, che rincara – Le ispezioni devono coinvolgere tutti allo stesso modo”. Da anni, infatti, il Movimento si batte nella legalità del comparto formazione campana e alcuni casi riscontrati di visite ispettive sono stati ritenuti “sospetti”. “Abbiamo constatato – continua Lanzetta – che in alcune province le visite ispettive si svolgono in maniera difforme, nel metodo e nello spirito. Avendo un interlocutore importante come l’assessore regionale Chiara Marciani, ottima persona precisa, puntuale, preparata e sensibile ai nostri problemi, chiediamo a quest’ultima che diventi garanzia di parità nei trattamenti di tutti gli enti di formazione campani”.

“Nel settore – conclude nel suo intervento Lanzetta – è stato fatto tanto ma ancora tanto c’è da fare. Soprattutto a tutela dell’utenza: l’utente ha tutti i diritti del mondo di avere un’ottima formazione professionale. E ci sono enti che possono dare questa formazione, vanno messi in condizione di lavorare tranquillamente”.

Sulle modalità con cui si paleserà questo stato di agitazione non ci sono ancora certezze, è probabile che gli enti di formazione che aderiranno lo stato di agitazione cercheranno di negare le visite ispettive ai membri della Provincia. “Una cosa è certa: almeno in questa prima fase non intendiamo far ricadere i disagi sull’utente finale – afferma Raffaele Pagano di Si.Form. – Le istituzioni, nelle rispettive competenze, devono prendere atto delle nostre rivendicazioni”.

Continua Pagano: “Ci sono delle scadenze, come quella del 31 dicembre 2015 che è data ultima per l’avvio delle attività formative, che necessita di una proroga altrimenti le nostre attività vanno in stallo. Poi c’è quella del 30 giugno 2016, imposta dall’Unione Europea a seguito del decreto interministeriale che obbliga a tutte le Regioni di dover adeguare l’offerta formativa al repertorio nazionale ed europeo. Se nulla verrà fatto per quella data, le nostre scuole diverranno obsolete nei titoli e quindi non competitive nel mercato del lavoro. Insomma, è necessario che le istituzioni interessate diano risposte immediate per consentire agli enti di formazione non solo di fare impresa ma di fare LA buona impresa!”.

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Roma, briscola vietata al centro anziani: “Troppe parolacce” https://t.co/779wQOBYvT

Ostia, Spada: “Mi vergogno per la testata, chiedo scusa” https://t.co/Wf7Jw2m2Ri

Governo M5S-Pd, Fico: “Mandato esplorativo positivo”. Si attende il 3 maggio https://t.co/qIzT8jCUTL

Prevenzione delle malattie oncologiche, incontro a Casa Don Diana - https://t.co/tFMdoNZQbu

Condividi con un amico