Home

Napoli-Fiorentina 2-1, Sarri: “Dobbiamo garantire la continuità”

Napoli – Allo stadio San Paolo l’incontro valido per l’ottava giornata di andata del campionato di calcio di Serie A tra Napoli-Fiorentina finisce 2-1 per i partenopei, decide Higuain al 75’. Continua il momento magico della squadra di Sarri che, con la vittoria contro i viola, colleziona il settimo risultato utile consecutivo: tre vittorie (Lazio, Juventus e Milan) ed altrettanti pareggi (Sampdoria, Empoli e Carpi).

Primo tempo equilibrato con una occasione per parte. Parte meglio la Fiorentina, al 17’ bella parta di Reina su tiro pericoloso del polacco Błaszczykowski. Sul finale del primo tempo Higuain manda di poco a lato di testa.

Inizio di ripresa fatale alla Fiorentina. Dopo 40” Insigne, lanciato da Hamsik, insacca con un destro preciso e raggiunge Eder in testa alla classifica dei cannonieri con 6 reti. I Viola barcollano, ma al 73’ Ilicic inventa un’assist per il croato Kalinic che realizza il pareggio e la sua quinta rete in campionato. Per la squadra di Sosa i festeggiamenti durano solo due minuti quando Higuain fa centro di sinistro e diventa capocannoniere della serie A insieme ad Eder ed Insigne.

Maurizio Sarri, in conferenza stampa, commenta la vittoria per 2-1 contro la Fiorentina al San Paolo. “Abbiamo avuto più aggressività – dice – nella metà campo avversaria. Nel primo tempo abbiamo avuto un po’ di fatica, così come nella scorsa sosta. A ritmi medi la Fiorentina ha un possesso straordinario e ci siamo abbassati, ma alzando il ritmo siamo riusciti ad alzare il baricentro e conquistare palla in zone pericolose. Siamo stati sfortunati, se così si può dire, perché la giocata di Ilicic è stata tanta roba, quando noi abbiamo avuto diverse occasioni per il 2-0, ma i ragazzi sono stati bravi a reagire. Mentalmente abbiamo fatto bene, ma c’è difficoltà nelle soste”.

Poi sottolinea: “Giocando altre 30 partite come questa. Siamo cresciuti, c’è entusiasmo e convinzione di poter fare risultato, a differenza di quando sono arrivato. Ma non conta parlare d’altro, siamo ancora quarto-quinti, dobbiamo continuare così. Ieri ho detto che volevo uno stadio infernale e mi hanno preso alla lettera. Che emozione giocare e vincere qui con un pubblico del genere. Pochi stadi del mondo possono dare questa emozione”.

Cosa manca? “La continuità”, risponde il tecnico toscano. “A Verona dovremo evitare problemi di approccio”.

Nonostante la sconfitta, il tecnico della Fiorentina, Paulo Sousa, si dice comunque soddisfatto: “Lavoriamo sempre per ottenere il massimo e toccare la perfezione. Sono orgoglioso dei ragazzi, per come si sono imposti sul Napoli, squadra fortissima a livello tecnico tattico. La palla rimbalzava troppo sul campo e noi stessi abbiamo provato a vincere la gara”.

“Credo che questo Napoli sia da scudetto da tre anni. – aggiunge – E’ una squadra di qualità, è un organico equilibrato e noi siamo riusciti a competere con loro. Spero di vedere la mia Fiorentina in alto sempre e vederla competere contro tutti. Così vinco il mio scudetto, creando una cultura interna, anche a livello societario, vincente. Oggi abbiamo visto tre squadre di alto livello: gli arbitri che hanno fatto un buon lavoro anche se c’è stato qualche piccolo errore”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico