Casal di Principe - San Cipriano - Casapesenna

“Carson”, il colorificio industriale ad impatto zero

Casal di Principe – Uno stabilimento ecocompatibile ad impatto zero, realizzato grazie ad un investimento di circa 3.5 milioni europei in gran parte cofinanziati dall’Unione europea. Partita nel 1992 per rispondere alle esigenze dell’edilizia locale, questa realtà imprenditoriale, oggi, esporta in tutto il mondo ed è sintesi di professionalità e successo: lo stabilimento Carson, della famiglia Carnerio, con sede a Casal di Principe, inaugura il 31 ottobre, alle 18, il nuovo centro produttivo. Un progetto che ha visto la luce anche grazie alla professionalità della Master Project sas.

Un felice connubio tra imprenditori pronti a cogliere le sfide del futuro, amministratori locali, consulenti e specialisti in grado di gestire i difficili meccanismi della contribuzione europea che possono trovare accessibilità solo grazie all’abnegazione e alla professionalità di studi specializzati, proprio come la Master Project di Marcianise: la società del dottor Antonio Picone, con esperienza ultraventennale nel settore della finanza agevolata ha consulenti di alta specializzazione ed assiste a tutto tondo gli imprenditori che vogliono accedere al difficile mondo della contribuzione europea.

Lo stabilimento Carson si trova in via Circumvallazione 20, ad un passo dall’uscita Casal di Principe dell’Asse mediano Nola/Villa Literno. È del tutto ecocompatibile, con pannelli fotovoltaici sul tetto a testimoniare l’attenzione alle fonti energetiche rinnovabili. Qui verranno realizzati prodotti non inquinanti tutti a base di acqua, in una produzione tutta dedicata all’edilizia: dalla tinteggiatura interna di un appartamento (lo stabilimento serve anche i privati cittadini) ai prodotti più specialistici per l’edilizia industriale: dai lavabili ai traspiranti, dal rivestimento a quarzo agli smalti all’acqua: materiali naturali d’alta qualità, traspiranti, atossici ed ecologici.

Un segnale di buona impresa al Sud, che parte proprio dalla cosiddetta “Terra dei fuochi” dove oggi, su oltre 10mila metri quadrati, nasce un insediamento industriale al passo con i tempi e ad impatto zero.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico