Napoli

L’archivio storico del Banco di Napoli diventa teatro

Napoli – Il più grande archivio storico bancario del mondo, quello del Banco di Napoli, in via Tribunali, si apre alla città ospitando spettacoli e corsi teatrali.

La rassegna teatrale ‘Scene d’Archivio’ si comporrà di tre spettacoli originali (sei appuntamenti, tra ottobre e dicembre 2015) a cura della cooperativa En Kai Pan, co-prodotti dalla Fondazione e messi in scena dalla compagnia Aisthesis nei suggestivi locali dell’Archivio, tra scaffali e documenti. Gli stage di scrittura e drammaturgia – dal titolo ‘L’Archivio narrato’ – saranno invece 8 (fino a giugno 2016) e saranno curati da Lalineascritta, laboratorio di scrittura creativa ideato dalla scrittrice Antonella Cilento. Anch’essi si terranno nelle stanze dell’Archivio e prenderanno spunto dai documenti storici.

Alla presentazione delle iniziative c’rano il presidente dell’Istituto Banco di Napoli – Fondazione, Daniele Marrama; Eduardo Nappi, direttore dell’Archivio; Sergio Riolo, responsabile del progetto di valorizzazione dell’Archivio; per il progetto ‘L’Archivio narrato’, la scrittrice Antonella Cilento; per il progetto ‘Scene d’Archivio’ della cooperativa En Kai Pan, Luca Gatta, direttore artistico della rassegna; e Stefania Bruno, autrice del progetto teatrale e della drammaturgia degli spettacoli.

Nelle sue 330 stanze, su 14mila metri quadrati, l’archivio ospita un numero enorme di documenti dal Cinquecento ad oggi, dai quali emergono storie inedite di personaggi famosi o di uomini e donne del popolo, storie che saranno le protagoniste di una rassegna teatrale e di un seminario di scrittura creativa.

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Gricignano, l'istituto comprensivo "Santagata" pubblica l'annuario 2017-2018 - https://t.co/l8J24nPC7t

Aversa, Raphaela Lukudo madrina della Stranormanna 2018 - https://t.co/kfy1joOqwy

10 agosto, la Città di Aversa celebra la Festività di San Lorenzo - https://t.co/TYQYdWBtQr

Caserta, evasione fiscale: sequestrati beni per 470mila euro a casa di cura - https://t.co/lscAjHYTZT

Condividi con un amico