Home

Vercelli, 26enne si suicida per colpa dei colleghi bulli

Succede a Vercelli. Andrea Natali, 26 anni, decide di togliersi la vita a causa della condotta da bulli dei suoi colleghi  di lavoro. Andrea viene descritto come un ragazzo introverso e sensibile, appassionato di motori, che aveva trovato lavoro in una carrozzeria di Borgo d’Ale.

Qui Andrea sarà continuamente preso in giro. Gli scherzi, secondo i genitori, in un primo momento sembravano innocenti, poi giorno dopo giorno si sono fatti sempre più pesanti: come chiuderlo in un bidone dell’immondizia, fotografarlo e pubblicare l’immagine su Facebook.

Natali aveva raccontato le violenze alla polizia postale  che aveva chiuso la pagina del social network con le sue foto e trasmesso poi gli atti alla procura.

In seguito a quella vicenda, però, il ragazzo sarebbe caduto in depressione. Dopo un anno vissuto con l’ansia, perfino di uscire da solo per una banale passeggiata, si è impiccato nella camera al secondo piano della casa dove abitava con i genitori.

“Sappiamo che nessuno potrà restituirci nostro figlio – affermano questi ultimi – ma vogliamo capire cosa è veramente accaduto”.

Il padre ammette di non essere alla ricerca di vendetta, ma di giustizia: “Non voglio nessuno in galera, Andrea avrebbe anche perdonato chi lo aveva trattato in quel modo. Ora devono pagare con quello che hanno e i soldi andranno in beneficenza”.

Un tragico accaduto che ci dimostra come l’epoca del bullismo non termini con il suono dell’ultima campanella scolastica e va ben oltre la questione “età” e “immaturità”.

È raro che chi ha predisposizione alla “dominanza” e, di conseguenza, alla sopraffazione sugli altri vi rinunci da adulto.

I bulli di ieri, quelli presenti tra i banchi di scuola, diverranno inevitabilmente i “criminali” di oggi negli uffici dei posti di lavoro. Gli stessi che, ora, devono portare sulla coscienza il peso della morte indiretta di un ragazzo dall’animo fragile.

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Lodi, droga e corruzione in carcere: complici agente penitenziario e infermiera - https://t.co/xs2YlelYwT

Palermo, si lancia da auto rubata durante inseguimento: arrestato - https://t.co/YqoLkAHKa6

Foggia, droga nella baracca: arresto bis per i Portante - https://t.co/EH4Lh7pFs6

Catania, un bunker della droga dietro al frigorifero - https://t.co/i4V7zkAwj9

Condividi con un amico