Home

I Casamonica a “Porta a Porta”: bufera sulla Rai

Roma – “Mi auguro che qualcuno alla Rai abbia il buon gusto di chiedere scusa alla città di Roma, ai romani e a tutti i cittadini”. Così parla il vicesindaco della Capitale, Marco Causi, dopo la partecipazione a “Porta a Porta” di due esponenti dei Casamonica, la figlia Vera e il nipote Vittorino, dopo il funerale show del “padrino” Vittorio. Un evento che ha fatto insorgere la politica e scatenato la polemica.

“Uno spettacolo vergognoso e offensivo”, hanno detto i consiglieri Pd in Campiodoglio, “un affronto a chi dà battaglia alle mafie, un abuso ai danni del servizio pubblico e dell’immagine della Capitale”. Agli esponenti locali si sono poi uniti quelli nazionali, e ha preso posizione nettamente contraria anche il presidente Matteo Orfini.

Bruno Vespa, da parte sua, risponde con una nuova puntata del programma dedicata ai Casamonica: mercoledì sera sarà ospite di Porta a Porta l’assessore alla Legalità del Comune di Roma, Alfonso Sabella, per parlare ancora una volta dei funerali del boss.

“La partecipazione a una delle trasmissioni di punta del servizio pubblico Rai della famiglia Casamonica è grave. Oltre che paradossale. Credo che tutto ciò non sia accettabile in un servizio pubblico”. Così il sindaco di Roma, Ignazio Marino, ha commentato la puntata di Porta a Porta.

Intervento pesantemente polemico anche dal sindacato dei giornalisti Usigrai, che ai vertici di Saxa Rubra chiedono: “Quale Rai servizio pubblico vogliono? Quali messaggi il servizio pubblico deve dare ai cittadini? Qui la questione non è censurare, ma scegliere quale Paese raccontare e come”. E ancora: “Quando si darà lo stesso spazio alle colleghe e ai colleghi minacciati dai Casamonica? Alle colleghe e ai colleghi minacciati, o addirittura sotto scorta, per il loro impegno contro le mafie? La Rai servizio pubblico che noi vogliamo – sottolinea il comunicato diffuso – è quella che i riflettori li accende sul malaffare, sulle persone impegnate ogni giorno contro le mafie, a favore della legalità”.

A prendere le difese di Vespa è il direttore di Rai, Leone, secondo cui ‘Porta a Porta’ ha affrontato la vicenda Casamonica “con trasparenza e completezza d’informazione, senza fare sconti di alcun genere e con l’interesse di fornire ai telespettatori il più ampio quadro possibile di notizie”.

Al coro delle contestazioni si unisce anche Beppe Grillo, che sul suo blog scrive un post dal titolo “Rai, servizio pubblico paramafioso” e commenta così la serata di Porta a porta: “La famiglia Casamonica ospitata dalla Rai nel salotto buono di Bruno Vespa per esibirsi davanti a 1.340.000 di italiani (14,54% di share) nell’apologia di Vittorio Casamonica, il boss il cui funerale ha indignato Roma, è un oltraggio a tutti gli italiani onesti”.

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

L'infermiere e la Legge Gelli: corso di formazione dell'Opi Caserta - https://t.co/ilpJX7kcV9

Maturità 2018, prova di italiano: tra i temi persecuzioni razziali, Moro e De Gasperi - https://t.co/nksWJRmpVk

Mondragone, Museo Civico: in arrivo nuovo finanziamento regionale - https://t.co/5MO5NjpY7n

Gorizia, cuccioli dall'Ungheria nascosti in bagagliaio: 4 denunce - https://t.co/ZxPyHRD9NT

Condividi con un amico