Esteri

Gb, Corbyn nuovo leader dei laburisti: primo atto un corteo pro-migranti

Londra – Il deputato anti-austerity Jeremy Corbyn, 66 anni, è il nuovo leader del Labour britannico. Lo conferma l’annuncio formale dato alla Conferenza del partito a Londra. Il primo atto ufficiale del candidato della sinistra pacifista sarà una manifestazione in favore dei rifugiati e contro la linea dura del governo conservatore.

“Vogliamo dimostrare come i rifugiati devono essere trattati e accolti”, ha detto nel discorso della vittoria. Corbyn ha sbaragliato alla prima votazione, con il 59,5%, i tre rivali di establishment: Andy Burnham, Yvette Cooper e Liz Kendall. L’obiettivo di Jeremy Corbyn è quello di dare “speranza alla gente comune che è piena fino qui di ingiustizie, disuguaglianza, poverta’ non inevitabile”.

L’austerità introdotta dal governo conservatore di David Cameron “non è giusta, non è necessaria e deve cambiare”, ha aggiunto. Corbyn durante il discorso era vestito, come suo solito, senza cravatta e sfoggiava con orgoglio un abito di taglio dozzinale. Ha definito la diseguaglianza nella società del Paese come “grottesca”.

Corbyn ha fatto un discorso unitario, ma con chiari riferimenti a temi come ambiente, pace, welfare, parità e immigrazione. Rivendicato il legame “organico” con il sindacato, ha poi denunciato come un “attacco alla democrazia” la riforma messa in cantiere dal governo conservatore per limitare il diritto di sciopero.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico