Home

Roma, spacciavano droga con la “benedizione” della ‘Ndrangheta

Roma – Un sodalizio criminale che operava con la ‘benedizione’ della ‘ndrangheta. Un vero e proprio clan criminale capeggiato da cinque persone che nel corso degli anni avevano accumulato beni mobili ed immobili per milioni di euro. Alle loro calcagna però la polizia di Stato. Gli investigatori, al termine di una attività di indagine di natura patrimoniale, hanno dato esecuzione al sequestro dei loro beni, fra i quali una villa con piscina ad Anzio ed una Ferrari F 430.

I sigilli sono arrivati al termine di una attività tesa all’aggressione dei patrimoni di mafia o, comunque, illecitamente accumulati eseguita nell’arco di sei giorni (dal 30 luglio al 4 agosto) con un decreto di sequestro emesso dal Tribunale di Roma, Sezione Misure di Prevenzione (normativa antimafia), nei confronti di cinque soggetti di elevata pericolosità sociale, con precedenti penali per reati contro il patrimonio e la violazioni della legge sugli stupefacenti, nonché da plurimi pregiudizi di polizia per associazione per delinquere finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti.

Il provvedimento ablativo ha tratto origine dalla proposta di applicazione della misura di prevenzione personale dell’obbligo di soggiorno e contestuale sequestro dei beni al Tribunale di Roma, redatta dalla Divisione Anticrimine, nei confronti dei cinque individui. Gli stessi, tutti attualmente liberi, erano già stati colpiti nel 2013 da un ordinanza di misura cautelare, emessa dal Giudice delle Indagini Preliminari presso il Tribunale di Roma.

L’attività di indagine svolta dalla locale Squadra Mobile, ha consentito di far emergere l’esistenza di una associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti che operava a Roma e sul litorale laziale, a capo di un gruppo criminale che operava nella zona del VI Municipio delle Torri, il quale si avvaleva dell’alleanza con una cosca ”ndranghetista” con referenti nella Capitale. Le indagini hanno confermato la pericolosità del gruppo che aveva nella sua disponibilità anche armi da fuoco.

Gli agenti della divisione Anticrimine della Questura, Prima Sezione Misure di Prevenzione, e il personale dei Commissariati competenti per territorio (Casilino, San Paolo e Anzio – Nettuno) anche in considerazione del preoccupante fenomeno dell’illecita importazione di sostanza stupefacente e conseguente spaccio, ha svolto accurate indagini patrimoniali nonché tutti gli accertamenti necessari a dimostrare la pericolosità sociale dei cinque ed ha fatto emergere che i preposti sono intestatari di beni dal rilevante valore economico, a fronte di una modesta capacità reddituale.

Sequestrati una villa con piscina sita ad Anzio; 4 immobili siti nella provincia de L’Aquila; due Società, dedite al commercio, acquisto e vendita di prodotti ittici, con sede nella zona delle Torri, numerosi conti correnti intestati ai preposti o alle summenzionate società. Sottoposti al sequestro anche 4 motoveicoli e 6 autovetture, tra cui, un’autovettura Ferrari F 430, una Mercedes ed un fuoristrada Toyota. Il valore complessivo dei beni sequestrati ammonta a circa due milioni di euro.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico