Home

Catania, confiscati i campi di calcio del clan Santapaola

Catania – Beni del valore di due milioni di euro sono stati confiscati a Roberto Vacante, 52 anni, più volte condannato in via definitiva per il reato di associazione mafiosa.

Roberto Vacante è il genero di Salvatore Santapaola, morto nel 2003. Salvatore era fratello di Benedetto ‘Nitto’, rappresentante provinciale dell’organizzazione mafiosa e cognato di Antonino Santapaola (54 anni) e di Vincenzo (59 anni).

Tra i beni confiscati a Catania e in provincia ci sono un’impresa di gestione di impianti sportivi, tra i quali diversi campi di calcio in pieno centro, due ville tra Catania e Tremestieri Etneo e conti correnti bancari, per un valore complessivo di circa 2 milioni di euro.

Il provvedimento di confisca segue a quello di sequestro del maggio 2014. Le indagini della Dia sono state avviate nell’ arco temporale compreso tra il 1988 e il 2013: è emerso che i beni benché formalmente intestati ai parenti di Roberto Vacante, sono stati ritenuti effettivamente riconducibili alla titolarità di quest’ultimo attraverso una fittizia intestazione che ha visto coinvolti sua moglie e suo fratello.

In particolare sono stati evidenziati forti profili sperequativi tra i redditi dichiarati e il patrimonio posseduto, tali da fondare la presunzione, accolta dal Tribunale, di un’illecita acquisizione patrimoniale che è derivata dalle attività delittuose connesse all’organico e prolungato inserimento di Roberto vacante nell’ambito della famiglia mafiosa Santapaola.

Le cronache giudiziarie raccontano che Roberto Vacante si sarebbe avvicinato ai Santapaola agli inizi degli anni Novanta: l’11 maggio del 1993 fu arrestato assieme ad altri 33 co-indagati, nell’ambito dell’operazione “Vega” perchè ritenuto responsabile di associazione per delinquere di stampo mafioso finalizzata alla commissione di estorsioni, rapine, usura ed omicidi.

Nel 2000, il 7 dicembre, venne nuovamente arrestato in un’altra operazione antimafia, Zefiro e poi nel 2007 nell’operazione “Arcangelo”. Sono stati diversi pentiti di mafia e tra questi Salto La Causa e i fratelli Giuseppe e Paolo Mirabile ad indicarlo quale affiliato nella famiglia Santapaola.

Vacante è stato due volte condannato con sentenze passate in giudicato per il reato di associazione a delinquere di stampo mafioso. La prima sentenza di condanna ad anni 2 e mesi 10 di reclusione, emessa dalla Corte d’Appello di Catania in data 22 gennaio divenuta definitiva a febbraio dell’anno successivo ha sancito la sua appartenenza al gruppo “Ercolano-Santapaola” sin all’anno 1996.

Nel novembre del 2005 gli sono stati comminati sei anni di reclusione dal nell’ambito del procedimento “Arcangelo”, condanna parzialmente riformata dalla Corte di Appello di Catania a luglio del 2010, è divenuta definitiva il a gennaio del 2012 con la quale ritenuta la continuazione con la precedente condanna, la pena è stata ridotta ad anni uno di reclusione.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico