Esteri

Isis, uomo crocifisso e amputato agli arti: è ritenuto spia siriana

Dopo il pilota giordano bruciato vivo e le esecuzioni a sangue freddo, ecco un altro video. L’ambientazione è sempre la stessa: deserto e tuta arancione in stile Guantanamo per il condannato a morte.

Nuove, però, sono le modalità di esecuzione; l’uomo è stato legato a una croce e gli sono stati tagliati una mano e un piede. Si attendono riscontri sull’autenticità del filmato.

Il video dura circa quattro minuti e inizia come di consueto con la confessione del prigioniero, accusato di essere una spia siriana. Il titolo scelto dai miliziani dello Stato Islamico (Scoraggiare le spie 1) è eloquente e preannuncia nuove esecuzioni. Per la violenza delle scene, YouTube ha scelto di toglierlo dalla rete.

L’escalation di violenza che non accenna a fermarsi – sono stati resi noti i nomi di altri quattro detenuti in attesa di giudizio – servirebbe a distogliere l’attenzione dalla sconfitta subita dall’Isis a Tal Abyad.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico