Aversa

Sagliocco: “Presto ci sarà il chiarimento nella maggioranza”

Aversa – «Nei prossimi giorni ci siederemo intorno ad un tavolo partiti e consiglieri comunali che compongono questa maggioranza per il chiarimento richiesto». A parlare il sindaco di Aversa Giuseppe Sagliocco, che, tra il rassegnato e lo scocciato, continua: «credo sia più facile capirsi parlando direttamente, faccia a faccia piuttosto che per il tramite di giornali e di comunicati stampa».

Per il primo cittadino «Bisognerà verificare i numeri. Se ci sono rimaniamo se non ci sono andiamo via e lo faremo senza patemi. Io, da parte mia, sono impegnato ad onorare la promessa con gli aversani che mi hanno dato la possibilità e l’onore di essere il sindaco di questa città. Per fare questo ho dato ben due volte le dimissioni da consigliere regionale e cercherò di continuare a meritare la fiducia di quanti mi hanno votato».

Entra a piedi uniti nelle polemiche politiche di questi giorno il primo cittadino normanno e lo fa, come suo solito, cercando di serrare le fila di una maggioranza che si fonda, lui escluso su un solo consigliere comunale. Sono, infatti, tredici quelli a favore e undici quelli all’opposizione. Questo sulla carta visto che il segretario cittadino del Nuovo Centro Destra, che è anche componente dell’assise cittadina, Mimmo Palmieri è salito sull’Aventino chiedendo un chiarimento politico e l’azzeramento della giunta.

Richiesta motivata con la circostanza che diversi esponenti della maggioranza che, a suo dire, doveva essere di centrodestra, hanno supportato candidati del centro sinistra e il governatore Vincenzo De Luca in occasione dell’ultima tornata elettorale per il consiglio regionale. A farlo pubblicamente il capogruppo di Noi Aversani Rosario Capasso (che ha appoggiato il presidente regionale del Pd Stefano Graziano), il consigliere comunale ed ex parlamentare centrista Paolo Santulli che ha appoggiato l’Udc con Consoli ed ha ricevuto De Luca sulla sua segreteria politica ad Aversa, il presidente del consiglio comunale Giuseppe Stabile che ha appoggiato il Pd Oliviero. A questi, secondo alcuni, dovrebbe aggiungersi lo stesso sindaco che avrebbe invitato a votare Salvino Cella, candidato con De Luca e consigliere comunale di opposizione. Una circostanza che Sagliocco ha negato categoricamente. Fatto sta che le reazioni non si sono fatte attendere ed oltre a Palmieri, a chiedere l’azzeramento della giunta e la verifica politica è stato anche lo stesso Capasso.

«In questo frangente, – ha concluso il sindaco Sagliocco – è importante anche considerare quanto abbiamo fatto e quanto stiamo facendo. Non importa quando è stato deciso, ma, senza polemiche, che noi stiamo realizzando. Le chiacchiere delle opposizioni sono puntualmente smentite dai fatti. Sarà pur vero che i finanziamenti ci sono stati anni addietro, ma qualcuno mi deve spiegare perché non sono stati utilizzati. Ora siamo costretti a fare corse assurde a causa dei tempi ristretti».

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico