Frignano - Villa di Briano

Rapina con sequestro all’ufficio postale: bottino da 50mila euro

Frignano – Rapina da manuale con tanto di sequestro di persona e attimi di tensione nella mattinata di venerdì ai danni dell’ufficio postale di Frignano, in via Achille Grandi. Al termine dell’azione i malviventi hanno portato via un bottino che dovrebbe aggirarsi intorno ai cinquantamila euro.

Dinamica da arancia meccanica, con due uomini che, come hanno ricostruito i carabinieri della locale stazione, coordinati dal comandante Rengone, hanno atteso, con il volto parzialmente coperto, l’arrivo della direttrice, originaria di Casal di Principe, dell’ufficio al momento dell’entrata da un ingresso secondario. Pistola in pugno, i due, che avevano un accento marcatamente napoletano, parlando esclusivamente in dialetto, hanno costretto la donna a farli entrare nell’ufficio insieme a lei. Una volta dentro, sempre tenendo la malcapitata sotto la minaccia della pistola, l’hanno costretta a consegnare loro tutto il danaro presente nella cassa. Inutili sarebbero state le rimostranze della funzionaria postale che avrebbe voluto convincere i due rapinatori che la cassaforte era vuota. I malviventi, infatti, avrebbero agito rastrellando quanto più danaro potevano, buttando in una busta tutto quanto incontravano sulla loro strada. Alla fine sono stati razziati 44mila euro, oltre a diversi assegni, francobolli ed altri valori, quindi un bottino che si aggirerebbe intorno ai 50mila euro. 50

I due rapinatori sarebbero, poi fuggiti così come erano giunti sul posto, non prima di aver fatto in modo che la vittima non potesse dare immediatamente l’allarme, chiudendola, probabilmente, in uno dei locali dell’ufficio. La direttrice, anche grazie all’intervento dei colleghi sopravvenuti poco dopo, sarebbe riuscita a liberarsi e a dare l’allarme allertando i carabinieri della locale stazione che, una volta giunti sul posto, non hanno potuto far altro che constatare quanto avvenuto e esaminare i filmati delle riprese effettuate da alcune telecamere di videosorveglianza dalle quali i militari potrebbero acquisire elementi utili all’identificazione dei due rapinatori. Immediati anche alcuni posti di blocco sulle arterie che portano fuori da Frignano, ma senza alcun risultato.

E’ probabile che gli autori del colpo provengano da qualcuno dei comuni dell’hinterland settentrionale di Napoli, come gli arresti del recente passato dimostrano. I malviventi, infatti, prediligono l’Agro Aversano a causa dei collegamenti rapidi grazie alla presenze delle strade a scorrimento veloce che consentono una rapida fuga una volta messo a segno la rapina preordinata.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico