Cesa

Guida: “Restituiremo a Cesa un parco giochi che funzioni”

Cesa – Il candidato sindaco del movimento politico “Primavera Cesana”, Enzo Guida, ritorna a parlare dello stato di assoluto degrado del parco giochi Lepore.

“Una situazione – dichiara Guida – che purtroppo si protrae da troppo tempo e rappresenta la testimonianza tangibile dell’incuria e dell’approssimazione con cui è stata governata la nostra comunità negli ultimi anni. Il parco giochi Lepore versa in uno stato di assoluto abbandono che ne rende da tempo immemore impossibile la fruizione a bambini ed adolescenti. La cosa si acuisce inevitabilmente in primavera ed in estate, quando con la chiusura delle scuole e l’arrivo delle belle giornate in molti desidererebbero trascorrere qualche ora all’aria aperta in una struttura attrezzata.

Per questo il primo impegno che Primavera Cesana si assume con l’intera comunità è quello di restituire alla città la possibilità di avere un parco giochi che funzioni.

Cesa dovrà essere la città dei bambini. Non è più tollerabile che una opera costata sacrifici e realizzata grazie alle amministrazioni comunali passate, debba versare in uno stato di totale abbandono e non possa essere fruibile.

Dobbiamo ridare alla città e soprattutto ai bambini il diritto ad avere uno spazio pubblico dove poter giocare, stare all’aria aperta, divertirsi.

Tutto questo solo per rendere uguali i nostri piccoli uguali a quelli di altri paesi, e per non costringere i genitori – nostri concittadini – a dover ricorrere a strutture a pagamento o esistenti in paesi vicini.

Tali obiettivi non dovrebbero nemmeno far parte di un programma elettorale di un comune del 2015, in quanto dovrebbero rappresentare dei dati acquisiti e non oggetto di interventi se non di migliorie.

Invece la realtà di Cesa è ben altra e costringe quanti come noi si propongono seriamente di far ripartire il paese di dare priorità a spazi e luoghi di civiltà che oggi – a causa dell’inerzia altrui – appaiono ancora lontano dal divenire.

Ma il sottoscritto in uno con la propria squadra è perfettamente conscio delle sfide che dovrà affrontare una volta al timone di Cesa, e razionalmente ha scelto che partirà proprio dai bambini, dal verde e dagli spazi pubblici, perché una comunità non vivibile è una comunità destinata inesorabilmente a spegnersi”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico