Home

Uccide due donne e si toglie la vita: una setta religiosa dietro la strage

Alessandria – Sta diventando di ora in ora un giallo sempre più complesso quello del duplice omicidio-suicidio avvenuto la scorsa notte ad Alessandria, in Piemonte.

L’alone di mistero secondo gli inquirenti sembrerebbe ruotare attorno ad una setta religiosa sudamericana, per la precisione alla Santeria, un credo cattolico-tribale, nato durante il colonialismo spagnolo in sud America e avente influssi con la magia bianca e nera.

I due omicidi, commessi da un poliziotto in pensione, Giancarlo Bossola, 60 anni, sarebbero stati attuati partendo da una sorta di “disegno” del destino che avrebbe previsto la morte di tre persone. Sarebbe questo, per ora, il probabile movente su cui indagano la squadra mobile e la procura di Alessandria e diverse autorità liguri.

Secondo una prima ricostruzione sarebbe cominciato tutto verso la mezzanotte quando al commissariato della polizia di Stato del capoluogo piemontese arrivava una telefonata che avvertiva gli agenti di dirigersi in via Pascoli dove in un appartamento c’era il cadavere di una donna. A parlare era lo stesso ex poliziotto, che avrebbe poi lasciato sul luogo del delitto un bigliettino con cui avrebbe fatto sapere di aver voluto commettere degli omicidi per poi suicidarsi.

Ricevuta la chiamata, quindi, una volante della Statale si precipitava in via Pascoli dove nell’abitazione da dove era partita la chiamata veniva ritrovato disteso sul pavimento il cadavere di una donna sudamericana. Sul corpo nessun segno di colpo di arma da fuoco o di accoltellamento, probabilmente si ritiene che sia stata strangolata o soffocata.

Alcune ore dopo, quello che c’era scritto sul bigliettino rinvenuto nell’appartamento si rivelava vero: sulla Genova-Ventimiglia, all’altezza di Orco Feligno, degli automobilisti segnalavano un’autovettura, Audi A6, con a bordo due persone, che si era schiantata sul tratto della A10, andando a fuoco. All’interno, infatti, c’erano l’ex poliziotto ed un’altra donna, italiana, di 47 anni.

Il mistero s’infittisce per gli inquirenti quando, analizzando la lettera scritta dall’ex poliziotto, trovano citata la setta della Santeria. Non è chiaro se l’uomo fosse un seguace di questa organizzazione e se lo fossero anche le due donne. Tra le righe l’assassino ha messo soltanto in chiaro che quello che avrebbe commesso era indicato dal fato e da una necessità imposta di dover compiere tali omicidi, prima che questi eventi si verificassero di per sé.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico