Home

Persecuzione cristiani, Gentiloni: “Intervenire su più terreni”

Roma – Il ministro degli esteri, Paolo Gentiloni, ha ribadito ancora una volta la necessità di un intervento risolutivo in merito al terrorismo e alla minaccia Isis.

“In passato ci sono stati interventi militari che hanno avuto esiti tutt’altro che risolutivi – ha riferito il titolare della Farnesina ai microfoni di radio Anch’io – ma che anzi hanno aggravato la situazione”.

“Non stiamo parlando di nuove guerre o invasioni come quelle avvenute in passato, ad esempio, in Iraq. Intervenire contro la persecuzione dei cristiani e a sostegno delle minoranze religiose si deve fare in tutti i modi e senza escludere l’opzione militare”.

“Non escludere l’opzione militare fa sicuramente titolo ma non è l’unica risposta al terrorismo nè la risposta decisiva”, ha aggiunto ribadendo l’impegno dell’Italia che “è già coinvolta da diversi mesi” in un’operazione militare anti-Isis in Siria e in Iraq “con l’autorizzazione del Parlamento”.

“All’interno della comunità musulmana – ha proseguito – c’è un conflitto tra sciiti e sunniti che noi dobbiamo provare a moderare, ci sono le operazioni di contrasto al finanziamento dei gruppi, c’è la dimensione della cooperazione economica”.

Infine, ha concluso: “La lotta al terrorismo va condotta con interventi su più terreni. Quando si dice possiamo fare di più non vuol dire mettere mano alle pistole”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico