Santa Maria C. V. - San Tammaro

“Università della Campania”, il no dell’amministrazione

Santa Maria CV – “La scelta del nome dell’ateneo casertano con l’indicazione generica e imprecisa di Università della Campania costituisce una ferita al territorio sul quale si opera e rappresenta la massima espressione della subalternità in cui, evidentemente, si vuole lasciare la nostra Terra di Lavoro”. E’ il commento del sindaco Biagio Di Muro, all’indomani della decisione degli organismi accademici che hanno deliberato che la Seconda Università di Napoli si chiamerà Università della Campania “Luigi Vanvitelli”.

“Questa opzione – dichiara il sindaco Di Muro – non tiene in alcuna considerazione la storia stessa dell’ateneo casertano, che si chiamò Seconda Università di Napoli solo per un cavillo e per renderne possibile l’istituzione come costola dell’ateneo federiciano. Da allora, però, la nostra università è cresciuta nel numero degli studenti, del corpo docente, del personale amministrativo, delle strutture dislocate sul territorio. Eppure, c’è ancora qualcuno che si vergogna di insegnare e operare in provincia di Caserta e opta per un nome in palese contraddizione con la storia e con la dignità di Terra di Lavoro. Le sedi dislocate a Caserta, Aversa, Capua e Santa Maria Capua Vetere fanno del nostro ateneo un’istituzione che abbraccia idealmente e culturalmente un’intera provincia”.

Alla luce di tali considerazioni il sindaco Di Muro, a nome dell’intera amministrazione e in accordo con il presidente del consiglio comunale Dario Mattucci, si fa promotore di una iniziativa che coinvolga gli altri Comuni interessati, affinché venga approvato nei rispettivi Consigli un deliberato concordato e identico per tutti: “Invito i colleghi sindaci, i presidenti dei consigli comunali e i consiglieri sensibili a questo tema a prendere una posizione netta contro la decisione dell’ateneo e in favore di una denominazione che contenga un’indicazione territoriale chiara e definita, senza soggezione e senza subalternità”, conclude Di Muro.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico