Aversa

Rifiuti “mescolati”, la Senesi respinge le accuse

Aversa – “Ancora una volta ed in maniera indiscriminata si vuol denigrare e rendere vani gli sforzi e l’impegno che la Senesi spa infonde ogni giorno sul territorio cittadino per rendere ottimale il servizio di raccolta dei rifiuti urbani”. Così la Senesi Spa, società incaricata del servizio igiene urbana ad Aversa, commenta alcune foto apparse sul web in cui sembrerebbe che gli operatori addetti alla raccolta stiano mescolando le diverse tipologie di rifiuti in maniera indistinta.

“Ciò è assolutamente inesatto, inopportuno e diffamante”, sottolinea la società in una nota. “Lo provano – prosegue la Senesi – senza ombra di dubbio gli scatti in questione, dai quali si evince chiaramente che gli operatori afferrano e sversano l’intero contenuto dei bidoni di colore bianco (carta e cartone) nell’apposito camion raccoglitore. Prelevando, quindi, solo ed esclusivamente questi materiali, non plastica ed indifferenziato ma unicamente il materiale da ritirare nei giorni stabiliti dal calendario”.

“Nelle stesse foto – sottolinea ancora la Senesi – si vede chiaramente un passante, che si distingue dal nostro operatore perché non indossa la divisa aziendale con i pantaloni arancioni, gettare improvvisamente un oggetto all’interno del camion raccoglitore. Nella sequenza fotografica successiva, però, non si evince che gli operatori abbiano ripreso verbalmente il cittadino, hanno fermato l’intero processo di pressa del materiale presente e già raccolto e, una volta arrivati in cantiere, hanno eliminato l’oggetto non differenziato”.

L’azienda si dichiara “dispiaciuta per l’incomprensibile accanimento verso coloro che ogni giorno cercano di rendere migliore il territorio su cui operano”, auspicando che “certi servizi fotografici, stavolta più attenti, vengano diretti verso chi, nel mancato rispetto dell’ambiente, getta indiscriminatamente ogni genere di rifiuto senza essere mai sanzionato”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico