Aversa

Final Four, la Exton Volleyball Aversa vince “tre volte”

Aversa – La Exton Volleyball Aversa vince tre volte. Organizza la Final Four, trionfa sugli spalti con i propri tifosi e conquista la finalissima della Final Four di Coppa Italia di serie B1 maschile di pallavolo, in programma domani, alle ore 18 al PalaJacazzi, battendo 3-0 la forte Pallavolo Motta.

La seconda semifinale tra i padroni ed i veneti sembra equilibrata fin dalle battute iniziali con la squadra del presidente Di Meo che chiama più volte all’attacco Scialò che rende equilibrato il match. Dall’altra parte c’è Cetrullo che riesce ad assestare il colpo che porta gli ospiti in vantaggio al primo tecnico 6-8. Un lob di Falanga finisce direttamente a terra sul parquet veneto con distanze ridotte ad un solo punto (7-8). Il colpo da biliardo riesce anche ad Enrico Libraro che appoggia in palleggio una palla che balla su linea a va a punto.

La squadra del presidente Di Meo mette in difficoltà quella di  Lorizio che si esalta con grandi difese. Lo stesso fa il sestetto normanno ed in campo è spettacolo con il diagonale di Cetrullo per il 12-14. Il secondo tecnico è ancora di marca veneta con un vantaggio di 13-16. In quota allora sale Giacobelli che prima va di centrale e poi con un block in ferma la strada a Cetrullo. E’ ancora il numero 18 della Exton Volleyball Aversa a pareggiare i conti con Scialò ancora su muro (16-16). Il sorpasso è allora servito ed ancora con il centrale che manda in delirio il pubblico normanno per il 17-16. Con il punto di Scialò che piega le mani alla difesa avversaria la squadra di coach Draganov se ne va sul 21-19 costringendo il tecnico avversario a chiamare time-out discrezionale.

Le battute al salto di Montò mettono a dura prova la difesa avversaria, mentre Falanga si esalta anche lui a muro. A chiudere il set 25-21 ci pensa l’esperienza di Antonio Libraro che si posiziona a muro e dice di no alla Pallavolo Motta che si arrende per il primo set. Il secondo set è molto più equilibrato del primo con le due formazioni che sembrano essersi prese le misure. Ed, infatti, si viaggia punto su punto con lo scarto minimo che premia la Exton Volleyball Aversa in vantaggio al primo time – out tecnico 8-7 grazie ad un block out di Rispoli.

Il sestetto di coach Draganov è un rullo compressore, sospinto dal proprio pubblico che lancia implacabili i padroni di casa che sono a più cinque sulla capolista del girone B di serie B1 al secondo time – out (16-11). A dar punto a Di Santi e compagni un fallo di rotazione della squadra di Lorizio che subisce il punto del 17 con Enrico Libraro ed il suo diagonale che non da scampo.

E’ in forma il numero sei aversano. Così come il resto della squadra che vive un momento di grande esaltazione riuscendo a stoppare il tentativo di risalita veneto con un block out vincente di Scialò (19-15) che subito dopo non perdona costringendo il coach avversario a rifugiarsi in un discrezionale (20-15). E’ una bellissima squadra quella del presidente Di Meo. Gioca con cattiveria ed astuzia trovando nei muro e fuori soluzioni vincenti sia con Falanga che Rispoli.

Ma di fronte non hanno una squadra che ha intenzione di mollare nonostante il 22-17 e che si difende con unghie e denti e si avvicina sul 22-20 con un break di tre punti. Non fa paura il tentativo di rimonta ad Enrico Libraro che va da solo a muro e trova il punto del 24-20 che avvicina al 2-0 il sestetto di casa. A realizzare il 25-21 ci pensa Mengozzi la cui battuta troppa lunga procura il punto finale. La Exton Volleyball Aversa vola sull’ali dell’entusiasmo e va 2-0. Con un Rispoli in grande forma, un Libraro decisivo ed una squadra che gira tutta, Di Santi e compagni si avviano a giocare il terzo set con la consapevolezza che non sarà facile perché di fronte c’è una signora squadra che trova il muro vincente è Enrico Libraro prima e su Falanga poi con Porcellini, distaccandosi sul 5-7.

La sostanza del gioco non cambia e con Giacobelli tutto viene rimandato al primo tecnico con l’errore di Enrico Libraro che spedisce out (7-8). E’ il numero diciotto normanno che fa capire agli avversari che anche con due punti di vantaggio, sul 9-11, non sarà facile scamparla. E subito dopo lo ribadisce Scialò che centra le mani del muro, con palla fuori, trovando l’11-11. In campo prosegue lo spettacolo. Tomassetti realizza il punto del 14-16 cui segue un ace del numero otto veneto che tiene a più 2 il Motta di Livenza (14-16). E’ un continuo rincorrersi.

Ed ancora un sorpasso che porta la firma a muro di Antonio Libraro per la Exton Volleyball Aversa. Sul 20-18 è ancora decisivo il numero sei normanno. A macinare punti ci pensa Rispoli che sbaraglia in diagonale il muro avversario per il 21-19 che avvicina la società del presidente Di Meo al sogno della finalissima. Passo dopo passo il PalaJacazzi è in delirio. Ancora Rispoli trova le mani del muro avversario con un colpo da biliardo (22-19).

Sembra imbattibile la Exton Volleyball Aversa e lo è con l’ace di capitan Di Santi che appena entrato fredda la Pallavola Motta con il 24-20. Una speranza ai veneti la da Mengozzi, ma è fievole davanti al block out di Scialò che vale la finalissima con il punto del 25-21 ed un nuovo ingresso nella storia per la squadra del presidente Di Meo.

«E’ stata una prestazione favolosa di tutta la squadra – ha dichiarato a caldo il presidente Di Meo – ed è fantastico dedicare questo ennesimo successo ai nostri tifosi e la città. Domani avremo una finalissima ostica contro Chiusi ma proveremo a vincere questa Coppa Italia che vogliamo tantissimo».

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico