Mugnano

Auchan annuncia 1500 licenziamenti

Napoli – Non bastano più i 1.100 esuberi annunciati soltanto a marzo ai sindacati, prima che saltasse bruscamente il tavolo della trattative avviate con i lavoratori. Auchan, infatti, alza la posta dei tagli. A metà marzo le sigle sindacali avevano rispedito al mittente il piano aziendale alternativo agli esuberi che prevedeva tagli generalizzati al contratto integrativo e sacrifici salariali temporanei al centro-nord e strutturali al sud.

Il risultato è stato l’annuncio di oggi. A sorpresa è partita la procedura di mobilità per 1426 persone, sui circa 12mila dipendenti in tutta Italia, distribuite in maniera omogenea tra nord, sud e centro Italia (e non, invece, concentrati al sud, come inizialmente previsto).

Un “atto unilaterale” per i sindacati, che hanno esitato a proclamare una giornata di sciopero in tutta Italia per il 9 maggio. Senza escludere mobilitazioni anche prima di quella data. Procedura per i licenziamenti collettivi alla mano, adesso ci sono 45 giorni di tempo per cercare di riavviare una trattativa, a cui si aggiungono 30 giorni tecnici per la convocazione al ministero. Ma non sarà facile trovare un punto da cui ripartire dopo la brusca rottura di marzo.

La battuta d’arresto era scattata di fronte alla richiesta del gruppo francese che 11.422 dipendenti e ha 51 sedi nel Paese di procedere a deroghe al Contratto nazionale in materia di demansionamento, rinuncia alla quattordicesima mensilità strutturale per il sud e temporanea per i punti vendita del nord, oltre alla sospensione degli scatti di anzianità e del contratto integrativo. I sacrifici maggiori sembravano concentrati al Sud, in particolare in Campania dove si concentrano 5 ipermercati. E dove continuano a concentrarsi i tagli maggiori, visti i 320 licenziamenti previsti da attuare in soli 5 ipermercati: Nola, Pompei, Giugliano, Mugnano e Napoli-via Argine.

Numeri a cui bisogna aggiungere i circa 80 appena attuati a Pompei e a Mugnano attraverso la mobilità incentivata.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico