Melito

Omicidio-suicidio: avvelena il figlio e poi si accoltella

Melito (Napoli) – Ha prima avvelenato il figlio di due anni e poi si è suicidata usando un coltello. E’ questa, al momento, la ricostruzione ritenuta dagli investigatori più probabile per la morte di Anna Esposito, 35 anni, e del piccolo Gaetano, trovati morti, lunedì mattina, nel letto della loro abitazione di Melito, in viale Kennedy, a nord di Napoli.

La donna, depressa dopo la separazione dal marito, ieri aveva pranzato con i familiari ma nulla, raccontano, faceva pensare ad una tale tragedia.

Sul posto sono giunti i carabinieri della compagnia di Giugliano per eseguire i rilievi. A fare la scoperta è stata la sorella della donna, arrivata in casa per accudire il bimbo della 35enne, che lavorava in una fabbrica di guanti a Casavatore, e il fratello. Entrati in casa utilizzando le chiavi avute dai vicini, hanno dovuto sfondare una porta interna per accedere alla stanza dove c’erano i due corpi.

Sulla donna sono state rilevate le ferite del coltello, mentre sul figlio al momento non è stato trovato alcun segno di violenza. Secondo gli investigatori, non si è trattato di un gesto improvviso ma di un proposito che la Esposito ha maturato negli ultimi tempi.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico