Sant’Arpino

Uccide la moglie e poi si suicida: dramma nel Salernitano

Salerno – Omicidio-suicidio domenica mattina a Campigliano, frazione di Giffoni Valle Piana, nel salernitano. Un uomo di 35 anni, Salvatore Varavallo, di Sant’Arpino (Caserta), muratore, incensurato, ha sparato e ucciso la moglie, Giustina Copertino, 29 anni, casalinga, di Casal di Principe. Poi ha rivolto l’arma verso se stesso e si è tolto la vita.

La coppia, con un figlio di 10 anni, si stava separando. Abitavano a Sant’Arpino.

L’episodio si è verificato all’esterno delle piscine del “Club Fiore”, dove sono intervenuti i carabinieri del nucleo investigativo e della compagnia di Battipaglia che, oltre alla pistola utilizzata – una calibro 9×21 con matricola abrasa – hanno trovato nelle tasche di Varavallo 34 proiettili e un coltello.

Secondo una prima ricostruzione, in mattinata l’uomo è arrivato al club dove il figlio era impegnato in una gara di nuoto. Ha avvicinato la moglie e le ha esploso contro cinque colpi, poi ha sparato altri colpi contro la vettura di lei, infine è tornato vicino al corpo della 29enne esanime e ha fatto partire dall’arma altri due proiettili. Mentre la donna veniva soccorsa, Varavallo ha ricaricato l’arma e l’ha rivolta contro se stesso, puntandola alla testa: dopo due tentativi andati a vuoto è riuscito a colpirsi. Il loro figlio, intanto, stava gareggiando, ignaro di quel che stava succedendo. Entrambi sono stati ricoverati in condizioni gravissime all’ospedale di Salerno, dove sono deceduti.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico