Napoli Prov.

“Il cuore di Pino gettato tra i rifiuti”: lo sdegno della compagna

Se il sindaco di Napoli, Luigi De Magistris, ha avviato le pratiche burocratiche per dare all’aeroporto della città il suo nome, c’è chi, dopo l’autopsia ha gettato il cuore nel cassonetto dei rifiuti. “Il cuore di Pino Daniele non trova pace” è stato questo il messaggio arrivato da Amanda Bonini, compagna dell’artista ad un mese dalla sua scomparsa.

La compagna del cantautore napoletano ha scritto all’Ansa, in concomitanza degli ultimi esami autoptici, per porre una questione, quella sul futuro del cuore dell’artista, espiantato per accertare se Pino Daniele poteva essere salvato con un intervento più tempestivo. Una prassi definita dalla donna “devastante” e resa “ancor più dolorosa dal dover intuire quale potrebbe essere il destino di quel cuore una volta terminati gli esami. Se razionalmente, con grande dolore, devo accettare una disposizione come atto dovuto – scrive Amanda – al contempo, trovo moralmente inaccettabile che quel cuore, che idealmente è il luogo dell’anima di Pino, in cui sono le persone che ama, gli amici veri, dove è Napoli, dove c’è un pò di Maremma, dove sono le sue passioni e le sue ispirazioni, possa essere distrutto e smaltito come un ‘rifiuto organicò qualsiasi, per dirla con le sue parole….’come una carta sporcà”.

“Il pensiero – continua ancora la donna – di ciò mi addolora quanto la sua morte. Mi auguro che esista la possibilità che i suoi resti possano essere ricongiunti e possano finalmente riposare in pace nel silenzio incantato della campagna toscana», aggiunge la donna, l’ultima ad avere visto Pino Daniele in vita la sera della folle corsa in auto (rivelatasi vana) dalla campagna toscana al Sant’Eugenio di Roma, dove è stato accertato il decesso”.

Prontamente è arrivata la risposta da parte di Luisa Regimenti, presidente nazionale dei medici legali italiani e medico legale che assiste la moglie del cantante, Fabiola Sciabbarrasi, ad intervenire per chiarire che “ora è importante e prioritario capire che cosa è successo” e che “del cuore bisognava avere cura finchè batteva”. Sulla questione della fine che farà dopo l’autopsia, Regimenti chiarisce che “il cuore è presso l’Istituto di Medicina legale e rimarrà ancora a disposizione dell’autorità giudiziaria. Al momento opportuno – conclude Regimenti – su richiesta della famiglia, sicuramente il magistrato lo restituirà”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico