Orta di Atella

Urbanistica, convegno al centro studi “Stanzione”

Orta di Atella – Domenica 1 marzo ,alle ore 18.30, nella sede del Centro Studi Documentazioni e Ricerche “Massimo Stanzione” di Orta di Atella, in via Mazzini 11, e con la collaborazione delle Associazioni culturali aderenti alla “Societas”: associazione “Ex Alunni Liceo Francesco Durante” di Frattamaggiore, Associazione Italiana di Cultura Classica – Delegazione di Frattamaggiore, Associazione “Laboratorio d’Idee M. Stanzione”, “Faro Tricolore” di Desenzano del Garda, “Clarae Musae” e con la partecipazione delle Pro loco atellane di  Succivo e Sant’Arpino, si terrà il primo convegno sull’urbanistica come sistema integrato di sviluppo. Relatori della serata saranno gli architetti Salvatore Di Leva e Alessandro Di Lorenzo.

Il primo esporrà un’idea progettuale circa lo sviluppo urbanistico e le potenzialità di crescita economica legata al nascente Parco Archeologico. L’asse viario della “Via Antiqua” che collegava Atella con Aversa, nel punto che la toponomastica definisce “Ad Septimum”, rappresenta un volano per lo sviluppo culturale, terziario ed ecosistemico dell’intera area atellana. Il secondo tratteggerà la nascita dell’Antica Atella e l’urbanistica ippodamea della “Leboriae” come antico legame territoriale con la vicina “Adversum”.

Ospiti della serata saranno i Presidenti delle suddette associazioni (professoressa Teresa Maiello, Riccardo Acri, Vincenzo Tosti, professoressa Vittoria Caso, Aldo Pezzella) che interverranno con un auspicio a conservare e diffondere l’antica cultura classica romano-atellana.

Il convegno sarà accompagnato da una mostra di oggetti che si ispirano all’antica ceramica atellana, del maestro artigiano Mario Bortone. Il maestro illustrerà la tecnica dell’antica terraglia, costituita da un impasto di sabbia del fiume Volturnum, ricca di quarzo e silicio, con l’argilla delle terre di Francolise e Sparanise e del vasellame del tipo “Bucchero Etrusco”, nota ceramica dal colore nero-lucido.

L’evento sancisce la nascita del “Laboratorio per Atella”, ovvero un continuo work in progress che coinvolgerà intellettuali e studiosi per la salvaguardia del nostro glorioso passato. La serata sarà ripresa dalle telecamere di Atella TV, la web tv della cultura, media partner dell’evento.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico