Napoli Prov.

“Una Lunga Notte”, il terremoto del 1980 rivive in un libro

Napoli – Alla Feltrinelli di via Santa Caterina a Chiaia, il giornalista Antonello Perillo, caporedattore centrale responsabile TgR Rai della Campania, ha presentato il libro “Una lunga notte”, scritto da Maurizio de Giovanni e Alessandra D’Antonio, pubblicato per i tipi delle Edizioni Cento Autori. L’attore Gino Rivieccio ha letto alcuni passi del volume.

“Una lunga notte – Adda passà ‘a nuttata” diceva il grande Eduardo e, forse, passerà anche per i protagonisti di queste due storie ambientate a Napoli. Maurizio de Giovanni rivive il terremoto dell’Ottanta nelle disavventure della gente comune, tra angoscia, paura e l’immancabile ironia del popolo partenopeo.

Un racconto commovente e graffiante, scritto nello stesso stile con cui l’autore ci ha abituati con i romanzi del commissario Ricciardi. Alessandra D’Antonio ci trascina, invece, tra i vicoli della città, dove il sogno di un giovane garzone di bar e il suo amore per il calcio devono fare i conti con l’ombra della criminalità organizzata. La lunga notte passerà per tutti, ma lascerà ricordi e segni indelebili nella vita dei protagonisti. Due autori, due storie, ma una sola lunga notte di emozioni vissute nella magica atmosfera della città di Napoli.

Maurizio de Giovanni (Napoli, 1958). È autore di numerosi bestsellers tra cui la saga del commissario Ricciardi, ambientata nella Napoli degli anni Trenta, e quella de “i Bastardi di Pizzofalcone”. Per le edizioni Cento Autori ha pubblicato le antologie “L’omicidio Carosino. Le prime indagini del commissario Ricciardi” e “Le mani insanguinate”.

Alessandra D’Antonio (1962). Scrive narrativa ed è autrice per il teatro con l’attore Gino Rivieccio. Per molti anni si è occupata di organizzazione di eventi. Il suo racconto “Una lunga notte” ha ricevuto una menzione d’onore al Premio Nazionale “Il Racconto nel cassetto – Premio città di Villaricca”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico