Campania

Emergenza Sanità, i primari presentano dossier

Napoli – “Sanità significa tutela della salute dei pazienti, non conti da far quadrare. Il blocco del turn over non crea solo disagi a dirigenti medici e infermieri ma anche ai primari. In Campania mancano oltre 200 posti di primari e la maggior parte dei quelli in servizio sono precari”.

E’ il messaggio centrale contenuto nel dossier sulla sanità campana messo a punto dall’Anpo, l’Associazione nazionale dei primari ospedalieri, e presentato oggi in conferenza stampa al Cardarelli dal presidente nazionale del sindacato Anpo Raffaele Perrone Donnorso, dal presidente regionale Anpo Vittorio Russo e da un gruppo di primari degli ospedali di Napoli e della Campania (Nico Cattaneo, primario Chirurgia endoscopica ospedale Monaldi; Emilio Cianciulli, primario Neuroradiologia ospedale Santobono; Nicola Maurea, primario Cardiologia Istituto Pascale; Fabio Tamburro, primario Radiologia generale ospedale San Giovanni Bosco; Generoso Uomo, primario Medicina Terza ospedale Cardarelli; Enrico Di Salvo direttore del dipartimento di nefrologia dell’Azienda ospedaliera universitaria della Federico II; Giovanni Romano direttore del dipartimento di oncologia addominale dell’ospedale Pascale).

Il presidente nazionale del sindacato, Raffaele Perrone Donnorso ha sottolineato “l’incompetenza della sanità campana; anche i medici di famiglia non vogliono fare nulla, tutto il peso della sanità è sui medici ospedalieri” e ha attaccato Renzi: “un giovane boyscout con le mani in tasca che rispetto alle proteste dei sindacati un giorno rispose che se ne sarebbe fatto una ragione. Se non reagiamo adesso – ha continuato Donnorso – non potremo più farlo”.

Il presidente regionale dell’Anpo Vittorio Russo ha chiesto, tra l’altro, “la riorganizzazione del piano ospedaliero, che non può essere elaborato valutando solo aspetti economici; la nomina, ormai indifferibile, dei direttori generali delle aziende oggi commissariate; la nomina dell’assossore alla sanità; la rielaborazione della rete dell’emergenza con soluzioni strutturali e non solo con provvedimenti-tampone; la ridefinizione del ruolo assistenziale dell’Università Federico II; la verifica tecnica, e non politica, dell’operato annuale dei direttori generali attraverso la predisposizione di schede di valutazione contenenti non solo elementi economici, ma anche di qualità dei servizi erogati e grado di soddisfazione dell’utenza”. Nel dossier vengono indicate le criticità dei principali ospedali di Napoli e della Campania: il Cardarelli, “in grave sofferenza e vicino a un punto di non ritorno”, ha “un indice di occupazione globale del 123,3% (119% nel 2013) e 172mila accessi al Triage-Pronto soccorso (un paziente visitato ogni 2 minuti, in incremento del 22)”.

Al San Giovanni Bosco, a fronte di 162 posti letto effettivi, c’è invece una media di 21 ricoveri in barella al giorno, pari a circa il 15%: “Come dire che le barelle sono una componente fissa dell’assistenza del presidio”. Infine il Santobono, in questi giorni al centro di polemiche, che sta letteralmente scoppiando: circa 110mila accessi stimati per il 2014 con un incremento del 20% rispetto al 2009. Significa ha spiegato Cianciulli: “oltre il doppio di qualunque altra azienda ospedaliera pediatrica italiana. Non solo al Santobono poi ma in tutta la Campania non c’è neppure un posto letto di neuropsichiatria infantile”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico