Napoli Prov.

Pino Daniele, un inedito e l’omaggio di Eric Clapton

Un testamento, musicale, non di quelli fatti di soldi e monete, proprietà e diritti. Un testamento, un’ultima memoria della sua arte, della sua poesia e delle sue parole. Un ultimo saluto, un ultimo racconto della sua Napoli, della sua gente, dei suoi mille colori e delle sue tante sfumature. Un presagio prima di abbandonare per sempre questa terra. È un inedito il vero lascito di Pino Daniele.

Una canzone, che, eco del suo blues originario con il quale ha raccontato e amato la sua città, impone le sue ultime volontà. Quasi come se il musicista avesse già avvertito sulla sua pelle il peso della fine. Una volontà, gridata, urlata, cantata, che i suoi familiari non hanno potuto non rispettare. “Sud, scavame ‘a fossa, / voglio muri’ cu te! / Mmiez’ ‘e penziere d’ ‘a gente / dint’ ‘a chest’aria ‘e turmiente. / Sud, scavame ‘a fossa, / voglio muri’ cu te… / ‘Ncopp’ ‘o presepio a Natale, / dint’ a ‘nu cuopp’ ‘e giurnale. E ogge, ca i’ passo ‘a ‘nu munno a n’ato, / a me mme pare quase tutt’ ‘o stesso. ‘E mamme, ‘e figlie, ‘e viecchie, ‘e mariuole, / si stanno a Sud / fanno cchiù rummore. Nuje nun simmo mangiaspaghetti, / nuje nun simmo né terrone e né fasciste: / nuje ch’ammo jettato ‘o sanghe / int’a sta Storia, / partimmo pe’ turna’ / addo’ simmo nate. Partimmo, pe’ gghì a truva’ / chello ch’ammo lassato. Ma pecché? / Sud, scavame ‘a fossa, / voglio muri’ cu te!”.

Una porzione del testo inedito della sua ultima canzone, lasciata forse incompiuta, forse volutamente. Una serie di frasi che Napoli conosce, vive ogni giorno nella sua anima e che solo un poeta quale è stato Pino Daniele ha sempre saputo cogliere. Un presagio della sua fine, un’immagine di come la gente lo avrebbe salutato, con la sua aria tormentata, incredula. Una fine che fa rumore e che nessuno è ancora deciso ad accettare. Una fine che Pino Daniele forse ha scritto per se stesso.

Una morte che nemmeno la musica accetta. Un andar via che tutti hanno voluto omaggiare, con una frase, un periodo, una nota, una dedica. Un po’ come quella di Eric Clapton che rende omaggio al suo amico con un brano strumentale di 1 minuto e 44 secondi, dal titolo “Pino 5”.  Chitarra e voce accennata, per l’ultimo saluto al cantautore napoletano ricordando anche con le immagini lo storico concerto del 2011 quando hanno suonato insieme a Cava dei Tirreni. Perchè un grande artista lo puoi ricordare solo con i suoi strumenti, gli ingredienti della sua vita e della sua esistenza, artistica e non.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico