Italia

Camorra, il neo questore di Caserta: “Ora è il turno dei colletti bianchi”

Caserta – Sconfitto l’apparato militare della criminalità organizzata”, è ora il momento di concentrare l’attenzione “sulla cosiddetta zona grigia”, quella, per esempio, “che consente alle mafie di infiltrarsi negli appalti”. Lo ha sottolineato il nuovo questore di Caserta, Francesco Messina, incontrando i giornalisti nel giorno del suo insediamento.

“Sono qua consapevole della realtà che ho di fronte, conosco la minaccia, non sono come il milanese di ‘Benvenuti al Sud’”, si presenta Messina, catanese di 54 anni, proveniente dalla questura di Varese. Da oggi sostituisce Giuseppe Gualtieri, trasferito a Potenza.

“La squadra che ho trovato è particolarmente dotata, spero di essere all’altezza dei miei colleghi. Viviamo in un territorio dove il convitato di pietra è la criminalità di stampo mafioso che ha condizionato fortemente il territorio. Ma sono stati fatti enormi passi in avanti. Siamo sulla strada giusta”.

Messina è stato vicario a Bergamo, capo della squadra mobile a Milano e in precedenza a Brescia e Reggio Calabria. Nato a Catania, 54 anni fa, ha sostituito Gualtieri – il poliziotto che ha arrestato Bernardo Provenzano – che è stato trasferito a Potenza, dopo due anni e mezzo a Caserta.

“La criminalità nel territorio casertano ha diverse tipi di manifestazioni, come lo spaccio al minuto di droga, la prostituzione, la criminalità cosiddetta comune, che si muove in maniera diversa rispetto al fenomeno mafioso alla quale è però legata”.

Per questo, secondo Messina, “c’è la necessità di approcciarsi in maniera diversificata per combatterla. Non c’è una ricetta unica per risolvere questi mali”. Il neo questore è detto comunque fiducioso: “Con l’aiuto di tutte le istituzioni è possibile ottenere ottimi risultati anche nella lotta contro la cosiddetta zona grigia”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico