Marcianise - Capodrise - Portico - Recale - Macerata Campania

“Uranio a Marcianise”, il sindaco scrive a Gigi D’Alessio: “Battuta infelice”

Marcianise – In seguito alla trasmissione televisiva “Gigi D’Alessio and friends”, andata in onda su Canale 5, nella notte del 31 dicembre in diretta da Piazza Plebiscito a Napoli, ed in particolare, in riferimento alla gag del trio comico “I ditelo voi”, in cui la città di Marcianise veniva menzionata come luogo in cui sotterrare un carico di uranio, il sindaco Antonio De Angelis ha inviato un messaggio a Mediaset, a Gigi D’Alessio ed agli stessi “Ditelo Voi”. Ecco il testo della nota:

“Bisognerebbe pensare al peso che hanno le parole, sovente inversamente proporzionale alla leggerezza della pronuncia delle stesse. E bisognerebbe farlo prima, e non con un senno di poi che ha il suono della beffa per chi da quelle stesse parole è stato prima ferito e poi danneggiato. Non si tratta di negare che Marcianise sia un Comune della Terra dei Fuochi, non si tratta neppure di fare finta che gli sversamenti nell’area a sud di Caserta ed a Nord di Napoli non siano mai avvenuti.

Non potrebbe essere questo lo scopo del mio messaggio perché, se così fosse, andrei a vanificare gli sforzi profusi dalla mia gente, che ha urlato per troppi anni il suo dolore senza essere sentita. Abbiamo subito troppe volte il silenzio pesante di quanti  avrebbero dovuto parlare, perché io oggi possa produrre una banale difesa d’ufficio che neghi tutto, senza riserva alcuna. No, io vorrei solo invocare il rispetto per le persone che abitano la mia terra e che  non si sono mai fermate per ottenere che quest’ultima fosse tutelata, e non maltrattata e lasciata morire, come un giocattolo che, una volta rotto, non serve più. 

Marcianise, attraverso l’amministrazione che mi onoro di guidare e con il contributo dell’assise tutta,  è stata  tra i primi Comuni che, ben prima della conversione in Legge del Decreto sulla Terra dei Fuochi, aveva già approvato uno studio delle matrici ambientali, attualmente in corso con l’analisi della prima, l’acqua, attraverso la seconda tranche di prelievi dalla falda idrica. 

Marcianise è inoltre la città che sta profondendo energie per bonificare la discarica di rifiuti, autorizzata durante l’emergenza degli anni scorsi, e i cui lavori di parziale smaltimento, già appaltati, saranno avviati a breve.

Ecco, già alla luce di questi pochi esempi, potrà apparire chiaro quanto forte sia lo stridore rispetto al presente e quanto provochi amarezza, indignazione e rabbia, l’idea che la mia città sia un ricettacolo di malaffare, in cui è fin troppo facile seppellire uranio sotto a piantagioni di pomodori.  Sarà quasi lapalissiano capire come tutto questo diventi una vera e propria ferita se tale teoria viene veicolata durante una trasmissione televisiva nazionale, volta anche a fornire un punto di vista alternativo sulla condizione della demonizzata Terra dei Fuochi.

 Avrei gradito, e sono sicuro di interpretare anche il pensiero della giunta, del consiglio comunale e della cittadinanza tutta, che chi ha pronunciato una battuta, che non ho timore nel definire infelice, per l’innato senso del rispetto sopra invocato, avesse avuto  almeno il buon costume di conoscere, informarsi, capire e comprendere gli ultimi sviluppi della situazione marcianisana, anche solo un attimo prima di concepire una gag, che ben poco ha arriso a tutti quelli che, ognuno per le proprie competenze, si impegnano quotidianamente  per la rinascita della propria terra.  Da parte mia, mi riservo comunque di adottare tutti i provvedimenti del caso”. 

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico