Orta di Atella

Screening tiroideo a scuola, Coordinamento Fuochi: “Dati allarmanti”

Orta di Atella – E’ quasi un anno che il Coordinamento Comitati Fuochi (di cui fanno parte circa 70 associazioni ambientaliste) collabora con l’Atta Campania onlus proponendo un programma di prevenzione secondaria, mediante screening tiroideo gratuito, nelle scuole medie inferiori che si trovano nei territori interessati da episodi di illegalità diffusa di smaltimento di rifiuti industriali e tossici e dai roghi.

I “numeri” che emergono dall’ultima relazione dell’Istituto Superiore di Sanità sui tumori infantili nelle province di Napoli e Caserta, dati di “aggiornamento dello studio Sentieri”, sono molto chiari ed estremamente negativi nel sottolineare l’aumento delle malattie oncologiche e i casi di leucemia nei giovanissimi.

Vista la totale indifferenza da parte delle Istituzioni locali e nazionali e la conseguente mancanza di interventi sanitari preventivi di rischio delle patologie correlate, con questo programma, l’Atta/Ccf si pone come obiettivo di segnalare ed arginare l’incremento di patologie tiroidee, anche neoplastiche, rilevatosi negli ultimi anni nel territorio napoletano-casertano; a tal fine è stato stipulato un protocollo d’intesa tra le parti. L’obiettivo è anche quello di sensibilizzare tutti gli organi politici, amministrativi, sanitari locali e nazionali e i mass-media, al fine di spingerli in questa direzione.

L’associazione Atta Campania Onlus (ammalati di tumore della tiroide ed associati) il cui presidente è il professor Raffaele Volpe (responsabile dell’Unità operativa di endocrinologia dell’azienda ospedaliera “Cardarelli”, nonché professore di Endocrinologia a contratto all’Università Federico II di Napoli)opera a diretto contatto con l’ospedale “Cardarelli” di Napoli, il Ministero della Salute, la Regione Campania e l’Istituto nazionale tumori Irccs Fondazione Pascale.

L’associazione aveva già riscontrato in precedenza, a seguito delle osservazioni effettuate già in alcune scuole, un aumento di patologie tiroidee su ragazzi residenti a Bacoli, Napoli e Vomero. Incoraggiata dai risultati ottenuti e su richiesta del Ccf, preoccupato per i bambini residenti nell’area Terra dei Fuochi, ha deciso di estendere tali interventi ad una più vasta popolazione.

Ad oggi sono già tante le scuole in cui l’equipe Atta/Ccf ha eseguito questi esami su campioni di bambini. L’iniziativa è stata accolta con grande entusiasmo da parte di tutti, numerose sono le scuole che hanno aderito al programma di prevenzione proposto: Castelvolturno, Succivo, Lusciano, Sant’Arpino, Orta di Atella, Cesa, Frattamaggiore, Maddaloni, Afragola, Casoria, Qualiano, eccetera.

Ad oggi sono stati screenati gli alunni delle scuole di Castel Volturno, Sant’Arpino, Lusciano, Cesa, Succivo, Orta di Atella e Frattamaggiore. Prossima tappa ad Afragola, man mano seguiranno le altre.

Scuola media di Orta di Atella

Il professor Volpe ha comunicato i dati relativi alla giornata di prevenzione e screening tiroideo svoltasi il 15 novembre 2014 la scuola secondaria statale di primo grado “Massimo Stanzione” di Orta di Atella, Distretto scolastico numero 15 (Aversa), con la collaborazione dal dirigente scolastico Arcangela Del Prete e dell’associazione “Laboratorio di idee Massimo Stanzione”. Presenti i genitori degli alunni, preside, corpo docente e personale Ata.

Medici ecografisti: Raffaele Volpe (endocrinologo) e Lisa Del Vecchio. Alunni presenti, invitati previo sorteggio, 79.

Dichiarazione del dottor Volpe in merito all’esito:Sul campione di bambini sottoposti ad eco-tiroide il 45% circa presenta alterazioni della ghiandola: in 43 casi l’esame tiroidale è nella norma, mentre in 36 bambini di 10-11 anni sono state riscontrate alterazioni strutturali di cui: 10 presentano una minima disomogeneità strutturale diffusa; 13 una lieve disomogeneità strutturale diffusa con lobi lievemente aumentati di volume come da probabile tiroidite; 13 moderate disomogeneità (con micronodulia) e aumento di volume come da probabile tiroidite. Si prescrivono pertanto esami ematochimicidella funzionalità tiroidea e si riserva di concordare con i genitori, dopo l’esito degli stessi, un secondo step di valutazione dei casi segnalati per un’eventuale prescrizione terapeutica. I bambini verranno contattati e seguiti in tutto il percorso terapeutico. Sottoposti al controllo anche 13 adulti tra insegnanti e personale Ata”. 

Scuola media di Frattamaggiore

Il 16 gennaio scorso si è svolta la giornata di prevenzione e screening tiroideo anche a Frattamaggiore (Napoli), nella scuola secondaria statale di primo grado “Giulio Genoino”, in collaborazione col dirigente scolastico Adele Cerullo.

Apparecchi ecografici sono stati forniti gratuitamente dalla casa produttrice di apparecchiature elettromedicali Esaote e dal dottor Pasquale Moccia.

In tale sede gli altri ragazzi, contemporaneamente alla seduta ecografica, sono stati trattenuti da diapositive riguardanti la prevenzione da parte del dottor Luigi Costanzo, medico di base e referente Ccf.

Presenti i genitori degli alunni, vicepreside Silvana Vitiello e insegnanti. Medici ecografisti: Giorgia Garinis (endocrinologo), Pietro Lanzetta (endocrinologo), Giusy Del Prete. Alunni sorteggiati tra le prime e le seconde classi numero 90.  Alunni presenti e sottoposti all’esame 90. 47 alunni di prima e 37 di seconda media.

Dichiarazione della dottoressa Garinis in merito all’esito:Nel gruppo di bambini sottoposti all’esame ecografico della tiroide (90) 35 risultano esenti da alterazioni morfologiche della ghiandola tiroidea mentre 55 di essi presentano un quadro ecografo alterato come da probabile processo tiroiditico. In 9 bambini è stato riscontrato un quadro ecografico fortemente disomogeneo con la presenza di aree pseudo nodulari. Possiamo dunque dire, in base al calcolo matematico, che il 60% degli alunni risulta avere alterazioni strutturali della tiroide. Ai bambini cui è riscontrata una patologia, vengono prescritti esami specifici da eseguire, funzionali tiroidei, sottoponendoli poi a visita endocrinologica di controllo, a loro scelta, presso l’Ambulatorio specialistico del Cardarelli o presso altre strutture. Si fa presente che i dati raccolti finora sono confermati in un trend che deve far tenere altissima l’attenzione sul problema da parte delle Istituzioni sanitarie locali e nazionali”. 

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico