Casal di Principe - San Cipriano - Casapesenna

San Cipriano, aggio su Ici e Tarsu: insorge “Bene Comune”

San Cipriano d’AversaSi ha la netta percezione di un totale immobilismo ed approssimazione dell’attuale maggioranza ed in particolare della Giunta Comunale che in oltre due mesi di amministrazione ha emesso appena 7 delibere, delle quali abbiamo avuto contezza attraverso l’albo Pretorio on line, non essendo state trasmesse ai capigruppo così come prescritto.

Così come pure, ad oggi, non è stato comunicato, da parte del sindaco, al Consiglio comunale il conferimento delle deleghe agli assessori cosi come prescritto. Eppure, è sotto gli occhi di tutti l’esigenza di avere un governo politico per un territorio che è stato immobile già per troppo tempo a seguito di due commissariamenti.

L’approssimazione e la netta sensazione di non “avere chiare le idee” lo attesta il fatto che nel Consiglio comunale di oggi 12 gennaio su cinque punti all’ordine del giorno (escluso ovviamente l’approvazione del verbale di seduta precedente), due argomenti sono stati ritirati, nonostante siano stati dalla stessa proposti!  

L’approssimazione e l’inadeguatezza emerge dal fatto che si è perso tempo per confezionare una delibera poi ritirata mentre alcun rilievo è stato dato a quanto è successo nel mese di dicembre. Infatti, per ora l’unico vero danno che abbiamo potuto constatare è quello subito dai sanciprianesi che si sono visti recapitare lo scorso mese, in particolare gli ultimi giorni di dicembre, avvisi di accertamento per i tributi Ici e Tarsu per gli anni 2009/2013!

Si è consentito ad Equitalia Brema di emettere avvisi di accertamento anche per gli anni successivi al 2009. Bisognava chiedere, anzi imporre ad Equitalia di fermarsi all’anno 2009 perché era l’unico anno in prescrizione. Il contratto con Equitalia attribuisce un aggio all’incirca del 30%, delle somme riscosse. Ora, con un contratto in scadenza al 31 dicembre, un’amministrazione attenta avrebbe dovuto bloccare Equitalia /Brema in maniera tale da non consentire che si creassero presupposti per percepire così elevati aggi senza motivo a scapito dei sanciprinesi.

Invece si è verificato il contrario: Equitalia sapendo che il contratto era in scadenza ha emesso tutti gli atti assieme, in alcuni casi 5 anni assieme, vessando i nostri concittadini e garantendosi più alti guadagni! Di questa operazione selvaggia ed incontrollata, permessa dalla Giunta completamente assente, gli unici a subirne le gravissime conseguenze sono i sanciprianesi.    

Approssimazione, immobilismo, disinteresse, qual è la ragione per cui nonostante il comune di Giugliano in Campania, in qualità di capofila abbia sollecitato l’adozione di una delibera consiliare urgente entro il 31.12.2014 per l’approvazione delle linee guida Paes, per accedere ai finanziamenti regionali, questa delibera non è stata emessa entro i termini? Perché solo oggi, 12.01.2015, viene posto all’ordine del giorno tale argomento? Perché stiamo deliberando fuori termine e con ogni probabilità non accederemo a tali fondi a costo zero? Solo per inerzia?

Forse sono questi i motivi per cui il Consiglio comunale non è stato pubblicizzato né con manifesti e né in altro modo? Non si voleva far conoscere ai cittadini tutto questo? Se era questo l’intento, purtroppo, non è andato a buon fine perché i cittadini saranno puntualmente informati da noi.

San Cipriano Bene Comune

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico