Santa Maria C. V. - San Tammaro

Giornata mondiale dei malati di lebbra, gazebo dell’Aifo

Santa Maria Cv – “Vivere è aiutare a vivere” è il titolo della 62esima giornata mondiale dei malati di lebbra che si celebra domenica 25 gennaio.

L’iniziativa nasce nel 1954 dal giornalista e scrittore francese Raoul Follereau che la volle per sensibilizzare alla lotta contro la lebbra e tutte le lebbre ovvero fame, povertà, malattie, egoismo, guerre, ingiustizie, e per raccogliere sostegni concreti per condurre questa sfida. Il motto per quest’anno è una frase di Follereau che esprime con semplicità e chiarezza il dovere della solidarietà.

L’Aifo registra ancora ogni anno 200mila nuovi casi di affetti dal morbo di Hansen e tra le maggiori cause di diffusione di questa terribile malattia ci sono la povertà e la mancanza di servizi sanitari.

La Giornata gode dell’Alto patrocinio della Presidenza della Repubblica ed è organizzata in collaborazione con l’Associazione Italiana Allenatori di Calcio e Lega Serie A, dall’Associazione Italiana Amici di Raoul Follereau, sodalizio che è presente in ventidue paesi nel mondo dove promuove l’iniziativa a favore dei malati di lebbra. L’Aifo nella città sammaritana ha quale responsabile cittadino Rino Pepe che da più di trent’anni coinvolge volontari di ogni età in questa iniziativa benefica.

Davanti alle chiese dedicate alla Madonna Delle Grazie, San Pietro e Sant’Agostino durante la mattinata saranno allestiti dei banchetti dove oltre che assumere informazioni sull’attività svolta dall’Aifo a favore dei colpiti dal morbo di Hansen sarà possibile acquistare il miele della solidarietà.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico