Succivo

Atellana Volley, sei vittorie consecutive

Atellana Volley

Succivo – 6: questo il numero che, per quanto possa essere “diabolico”, caratterizza il viaggio Atellano. 6 come le vittorie consecutive ottenute dall’Atellana Volley nel campionato di Prima Divisione Maschile; 12, come i punti ottenuti nelle ultime 3 gare stagionali. Un tripudio di agonismo che caratterizza la squadra di mister Mimmo Finelli che marcia a testa alta navigando nelle zone alte della classifica.

A farne le spese nell’ultimo match sono stati i ragazzi del Volley Casagiove, squadra momentaneamente a metà classifica con 9 punti a carico. Un 3 a 0 secco, in cui gli arancio-neri hanno saputo fare dell’esperienza il loro punto di forza. Un esempio sono i veterani Francesco (Chicco) Perla ed Arcangelo Orefice che, con tanta umiltà e tanta caparbietà, hanno portato i succivesi alla conquista della vittoria finale (16-25; 11-25; 19-25).

Un vento che tira forte verso la via del trionfo ed i ragazzi di mister Finelli non possono non cogliere la ghiotta occasione di ritornare a macinare conquiste e gloria. Gioia che fa morale, specie se la sesta di fila, dedicata, tra l’altro, all’amico Luigi Bracciano, illustre coach della pallavolo dell’agro-aversano, colpito da un malore nei giorni scorsi, fortunatamente senza gravi conseguenze, con l’augurio di rivederlo presto sui campi di gioco.

Divisione femminile – Iniziato da diverse giornate anche il campionato provinciale di Seconda Divisione Femminile a cui ha preso parte anche la VolAlto Succivo. Inizio poco confortante per le ragazze di casa atellana, con 3 punti conquistati in 4 gare, 2 perse per 3 a 0, una vinta per 3 a 2 contro Aversa e vittoria sciupata contro la capolista Capua sempre per 3 a 2.

Una sconfitta casalinga che inizialmente sembrava potesse andare diversamente. Un primo set dominato dalle volaltine succivesi che riescono a portarsi addirittura sul 21-13, seguito poi da un improvviso crollo psicologico che le porta a perdere il set per 28 a 26.

L’orgoglio si fa sentire, ma non basta e la sconfitta, ancor più amara per le occasioni perse, non tarda ad arrivare, ma solo al tie-break (25-12; 15-25; 25-19; 14-16). Una partita non povera di emozioni dunque, in cui le ragazze del prof. Andrea Donelli hanno comunque dato il massimo, riuscendo in qualche modo a mettere in difficoltà le avversarie e giocandosela fino alla fine.

Da non trascurare l’età media della squadra (17 anni circa), del cui sestetto iniziale fanno parte il martello Giovanna Chianese (14 anni), la centrale Martina Maino (14 anni) e la palleggiatrice Valeria Ruffo (15 anni). Squadra che pullula di giovani atlete assetate di esperienza e con tanti margini di miglioramento.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico