Matese

Alife, ecco i vincitori della collettiva di pittura “Il cinema è arte”

Alife – “L’arte non riproduce ciò che è visibile, ma rende visibile ciò che non sempre lo è”. Questo sosteneva il pittore tedesco Paul Klee. Massima che rende bene l’idea di quello che è stata la seconda edizione della Mostra Collettiva di Pittura “Il cinema è arte”, organizzata da Pinuccio Di Caprio lo scorso 9 gennaio ad Alife.

Nessuna scelta casuale quella di volerla allestire presso la sala dell’affollatissimo Bar Oimpico di Alife e di far accompagnare l’evento dall’Acustic 4et di Andrea De Balsi. Scelta mirata per fare in modo che i numerosi visitatori presenti “gustassero” l’opera.

Dodici gli artisti che hanno esposto le loro opere: Adele Santagata, Angela Tammaro, Antonio De Lellis, Antonio Mario Napoletano, Brunello Terracciano, Concetta Isacco, Daniele Mallardo, Ivana Gagliari, Maria Pia Ricciardi, Matteo Di Caprio, Pinuccio Di Caprio e Sisto Di Caprio. Mentre l’ospite d’onore è stato l’artista locale Sandro Parisi.

E’ stata, dunque, premiata l’arte che non ha semplicemente riprodotto ciò che è visibile. Primo posto per il giovanissimo artista Matteo Di Caprio, studente quattordicenne al Liceo Artistico di Piedimonte Matese e autore di canzoni rap con il gruppo “A-Life”, che ha trionfato con il ritratto di “Robert De Niro” (1mx1m). Secondo posto per un giovane alifano che si occupa di scenografia televisiva e cinematografica, Brunello Terracciano con l’opera “Illusione e realtà” (40cmx40cm), che ha dichiarato: “Sono partito dall’immagine di “My Fair Lady”.

Il Cinema racconta realtà ma il più delle volte crea un’illusione senza che nessuno si chiede chi crea tutto ciò. Ho voluto mettere in evidenza tutte le maestranze che lavorano in ombra (per questo la decisione di farlo in bianco e nero) in un film, dalla produzione al costumista ai cameramen, elettricisti, operatori, scenografi, registi, assistenti ecc.”.

Altro artista, che nella vita si occupa di video arte, Antonio De Lellis, che ha esposto i suoi quadri a Roma, Milano, L’Aquila e Los Angeles. A lui il terzo posto con un espressivissimo ritratto del nostro amato Toni Servillo (1mx1e1/2m).

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico