Campania

Napoli, “La tua start up high tech imparando a Silicon Valley”

Napoli – Nell’aula Scipione Bobbio della Scuola Politecnica e delle Scienze di Base, a Napoli, in piazzale Tecchio, esponenti del mondo Universitario e delle principali Istituzioni italiane che coordinano gli investimenti nell’ambito della Ricerca e dell’High-tech come Imast e Invitalia, sono stati chiamati a ‘fare sistema’ dal Rettore dell’Università di Napoli “Federico II”, Gaetano Manfredi.

L’incontro, che ha visto la partecipazione di diversi docenti universitari, tra cui Pietro Salatino, Presidente Scuole Politecniche e delle Scienze di Base Federico II, e Luigi Califano, presidente Scuole di Medicine e Chirurgie Federico II, ha voluto dare spazio alle opportunità che vengono da questo sodalizio Italia – Usa per i giovani laureati italiani al di sotto dei 35 anni in possesso di laurea triennale e/o di laurea del vecchio ordinamento o di laurea magistrale o dottorato di ricerca.

“La missione di Best è stimolare la concorrenza economica e la cultura imprenditoriale High- Tech in Italia, trasferendo le migliori pratiche culturali e di business statunitensi tramite un programma di scambio innovativo con la Silicon Valley”, dichiara Fernando Napolitano, responsabile Ceo Italian Business and Investment Initiative”.

“In 5 anni Best ha prodotto ben 30 milioni di euro trasferiti da investitori internazionali (in particolare fondi Usa) nelle Start-Up – dichiara la professoressa Gabriella Fabbrocini – docente della Federico II, membro del Consiglio Superiore di Sanità e promotrice dell’incontro – Esso rappresenta non solo l’occasione per finanziare la nuova impresa ma soprattutto per aprire un mercato mondiale a ‘cervelli italiani’ da implementare nel tessuto imprenditoriale del nostro Paese”.

L’iniziativa è volta a stimolare la partecipazione da parte dei neolaureati campani al nuovo bando 2015, che si chiuderà a fine marzo grazie al confronto con i vertici di Imast e Invitalia che sono tra i principali sponsor di Best. Allargare la base di investimenti e raccogliere le migliori idee progettuali può significare creare opportunità per i nostri giovani coniugando implementazione tecnologica e tradizione culturale e scientifica, condizione indispensabile per lo sviluppo del meridione di Italia.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico