Matese

Raduno di Natale: auto e moto d’epoca sotto l’Albero

 Piedimonte Matese. Dopo il “Raduno di Natale 2013”, la “100 km del Matese” ed il “Raduno di marca Alfa Romeo”, il Club Auto e Moto Antichi Sanniti (Camas) è pronto a cimentarsi in un’altra giornata speciale dedicata ai veicoli d’epoca.

Si tratta di un importante e coinvolgente evento, di un’occasione per rivivere le emozioni legate ai veicoli storici oltre che per apprezzare il piacere di trascorrere una giornata tra appassionati.

Tante auto storiche, ma anche motocicli e scooter d’epoca, ci riporteranno indietro nel tempo, alla riscoperta di piacevoli momenti e di antiche tradizioni.

Il prossimo 21 dicembre sarà una domenica straordinaria, memorabile per i tutti i partecipanti ma anche per tutti gli appassionati estimatori delle bellezze storiche.

Ritrovo, iscrizione ed esposizione delle vetture nella centrale piazzaCappello (meglio nota come Piazza Carmine) di Piedimonte Matese da dove partirà la sfilata su strade ad alta percorribilità alla volta di Alvignano e Dragoni, nei luoghi dell’antica Cubulteria, città sannita che sfidò la potenza della Roma imperiale, per poi esserne distrutta.

Superata la svolta del ponte Margherita, si potrà godere dello spettacolare scenario del Massiccio del Matese fino all’ingresso nella storica Centrale Enel “Vanvitelli” di Piedimonte Matese. Lì, con i veicoli in sosta, gli equipaggi potranno visitare gli impianti idroelettrici e l’attiguo museo. Seguirà un delizioso aperitivo nostrano con i tipici Torcinelli piedimontesi ed il vino locale.

La convivialità continuerà presso l’accogliente ed elegante Villa Matilde, dove gli ospiti potranno godersi, oltre al delizioso pranzo, anche l’estrazione dei premi per la lotteria di beneficenza, la premiazione e la consegna degli attestati di partecipazione per tutti. Dulcis in fundo, caldarroste preparate al momento per tutti, prima dello scambio di auguri e dei saluti.

Per ulteriori informazioni e prenotare uno degli esclusivi posti disponibili si può contattare uno dei responsabili del Camas, via telefono, mail, Facebook o direttamente in sede.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico