Aversa

Chiesa dell’Annunziata: pericolo crollo calcinacci

Aversa – Il cornicione del portale d’ingresso della chiesa dell’Annunziata sarebbe a rischio di crollo parziale. A dare l’allarme un gruppo di cittadini, frequentatori abituali dell’ufficio del rettore della chiesa che è di proprietà dell’ente locale.

Un allarme lanciato da settimane che ha avuto come unico risultato quello di un intervento della polizia municipale che ha provveduto a tracciare una sorta di barriera, formata da transenne e nastro bianco e rosso, finalizzata ad impedire il passaggio dei pedoni al di sotto dei punti a rischio di crollo.

Un intervento che non garantisce la sicurezza, perché eventuali frammenti della cornice del portale potrebbero comunque colpire chi passa poco distante, e che crea un’immagine negativa per una città che vorrebbe puntare ad incrementare l’attività turistica, giacché in mostra ad eventuali visitatori il livello di incuria e di trascuratezza nel quale versano i monumenti aversani.

Da qui la protesta del gruppetto di frequentatori della rettoria che segnalano, in una nota inviata alla stampa, l’assenza dell’amministrazione municipale per quanto riguarda la tutela del patrimonio artistico di cui la Chiesa dell’Annunziata è un fiore all’occhiello.

Tanto che il primo cittadino, solo qualche settimana fa, ha accompagnato personalmente un gruppetto di specialisti internazionali a visitare la chiesa e quanto contiene, illustrando personalmente alcune delle tele. Un impegno che contrasta con il mancato intervento di riparazione e dell’eventuale restauro del portale che cade a pezzi, come dimostrano le due barriere allestite dalla polizia municipale.

Considerando che Porta Napoli è immediatamente attaccata all’ingresso dell’Annunziata ed è il primo monumento della città visibile a chi intende visitare i luoghi d’arte aversani, il mancato intervento di riparazione del danno, reso evidente dalla presenza delle due barriere di nastro bianco-rosso e transenne, non rappresentano un bel benvenuto ai turisti.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico