Carinaro

Macchina amministrativa, opposizione annuncia ricorso a Corte dei Conti

 Carinaro. Arrivano le prime misure volte a “riorganizzare” la macchina amministrativa, sottointese alla delibera di fine settembre con cui l’amministrazione, senza un giustificato motivo, estromise il dottor Levita dalle sue funzioni perché ritenuto un dipendente “non allineato”.

L’amministrazione, con delibera numero 131 del 18 novembre 2014, sulla base di una “forzata” interpretazione della legge numero 114 dell’11 agosto 2014, ha assunto, con contratto a tempo determinato, quattro Lsu e un ingegnere destinato ad assumere la responsabilità dell’ufficio tecnico comunale. Il costo di questa operazione sarà di 15.450 euro al mese e di 200.850 euro all’anno, tenuto conto che inevitabilmente detti contratti saranno prorogati almeno per l’intero arco del 2015.

Non vogliamo soffermarci sui profili di illegittimità di questa operazione (mancato rispetto del tetto di spese per il personale; inosservanza dei limiti e deroghe per i contratti a tempo determinato; erroneità dei criteri di scelta degli operatori assunti in violazione del principio del pari trattamento; presunto falso ideologico ravvisabile per chi colloca in aspettativa i suoi operatori per poi assumerli contestualmente nello stesso Comune nel quale sono stati messi in aspettativa). Sono aspetti che nei prossimi giorni denunceremo alla Corte dei Conti al fine di individuare responsabilità per eventuali danni erariali.

Per il momento vogliamo fare solo brevi considerazioni politiche sull’ opportunità di questa operazione e sui riflessi che essa determinerà sulle casse comunali e sulle tasche dei cittadini. A tal proposito appare doveroso perciò chiedere all’amministrazione: si assumono cinque persone, ma per fare cosa?; è mai possibile che per motivi clientelari si spendano tanti soldi per ottenere dagli operatori assunti quello che già fanno da anni?

Una differenza però la notiamo subito: mentre prima gli stessi operatori, per fare le stesse cose, venivano pagati in parte dall’Inps ed in parte (300euro circa) con un’integrazione salariale mensile corrisposta dalla casse comunali, oggi invece, dopo che sono stati collocati in aspettativa, l’Inps non paga più niente, mentre l’intera retribuzione, per salario e contributi, ammontante a 3.300 euro mensili per ciascuno di essi, sarà pagata esclusivamente dalla casse comunali, ovvero dal cittadino.

In definitiva, mentre prima il Comune pagava per questi quattro Lsu solo 1200 euro al mese, oggi, dopo l’assunzione, è costretto a pagare 13.200 euro mensili per il loro utilizzo. Complimenti per la saggezza (pardon, per la stoltezza…) politica dimostrata: una scellerata stoltezza che porterà rapidamente allo sfascio delle casse comunali.

Nella stessa delibera è prevista poi anche l’assunzione di un ingegnere, cui verrà affidata la responsabilità dell’ufficio tecnico. Anche per questa assunzione sono doverose alcune domande: Perché lo si assume? Forse l’attuale responsabile non è capace o non è funzionale ai progetti che hanno in testa i nuovi amministratori? Di certo non si può dire che l’attuale responsabile, geometra Ausilio, non abbia il tempo per svolgere i suoi compiti, visto che con delibera 119 del 28 ottobre 2014 egli stato autorizzato a lavorare per 9 ore settimanali presso il Comune di San Marcellino.

A fronte di un risparmio mensile di circa 500 euro per le ore che Ausilio presta al Comune di San Marcellino, il Comune di Carinaro pagherà 2250 euro al mese per far svolgere ad un’altra persona funzioni che da 40 anni svolge l’attuale dirigente. Complimenti anche per questa ulteriore atto di saggezza (pardon, stoltezza…) politica! Abbiamo il sospetto che la venuta di questa nuova figura preluda ad uno scenario di “aggressione cementizia” del territorio. Verrà presto fuori il vero volto di gran parte dei componenti di questa Amministrazione e saranno chiari gli interessi speculativi ed imprenditoriali che li animano.

La conferma arriverà proprio dalle prossime mosse che l’Amministrazione farà. Bisognerà soltanto saper aspettare. Nel frattempo, dati i pesantissimi costi della “operazione assunzioni”, consigliamo i cittadini di cominciare a mettere un po`di soldi da parte: a breve avremo di che pagare!

Il Gruppo Consiliare “Uniti per Cambiare”

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico