Trentola Ducenta

Rapina con “scontro”, preso il secondo rapinatore

 Trentola Ducenta. E’ un 21enne di Trentola Ducenta, Raffaele Di Ronza, il secondo rapinatore che, nella serata di giovedì, intorno alle 18, insieme ad un altro complice, già tratto in arresto, ha compiuto uno scippo ad una donna in via Quattro Novembre.

Dopo averlo rintracciato e catturato, i carabinieri del nucleo operativo e radiomobile del reparto territoriale di Aversa hanno effettuato una perquisizione nella sua abitazione, trovando una pistola a salve, priva di tappo rosso. Come indicato dallo stesso Di Ronza, i militari hanno poi rinvenuto, abbandonata in un terreno di via Madonna della Pietà, la borsa rapinata alla donna.

Di Ronza e il complice, un altro ventenne, di Lusciano, dopo aver rapinato la donna in strada, nel fuggire, inseguiti da carabinieri e polizia, si erano scontrati con un’autovettura. Il 21enne riusciva a scappare, mentre il complice riportava una ferita alla testa e veniva trasportato all’ospedale “Moscati” di Aversa, in condizioni gravi ma non in pericolo di vita.

I due si aggiravano per le strade della città in sella ad uno scooter Honda Sh. Col volto travisato e pistola in pugno, detenuta da uno dei due, scippavano la borsa alla donna che passeggiava in strada. I passanti davano l’allarme e sul posto prontamente intervenivano due pattuglie di carabinieri e polizia, in servizio di controllo del territorio, che si davano all’inseguimento dei malviventi. Questi, giunti in via Circumvallazione, nel tratto tra la pizzeria Coviello e il supermercato Ronza, mentre erano braccati dalle forze dell’ordine, sembra per una distrazione del conducente del motociclo, centravano in pieno lo sportello anteriore, lato passeggero, di una Fiat Panda di colore giallo guidata da una donna del posto, che stava svoltando in una traversa.

I rapinatori rovinavano a terra: Di Ronza si dava alla fuga, mentre l’altro, impossibilitato a muoversi per la ferita subita al capo, veniva preso in consegna dai carabinieri e condotto in ospedale.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico