Sant’Arpino

Del Prete: “Un Pd coeso per nuove sfide”

 Sant’Arpino. “Questa iniziativa, maturata dopo una serie di contatti e riflessioni che sono andati avanti già da diverso tempo, vuole essere un appello a tutti coloro che credono nelle necessità di avere a Sant’Arpino un Pd forte e plurale.

Il nostro Partito è a un bivio: o si prende tempestivamente coscienza che per il Pd di Sant’Arpino esiste una priorità assoluta, quella di esprimere una linea politica condivisa, oppure il rischio è di andare ad una progressiva marginalità politica e a perdere qualsiasi opportunità di essere artefici del cambiamento in atto nel nostro territorio e protagonisti attivi nelle prossime sfide che vedranno impegnato il nostro partito ai vari livelli.
La prospettiva di un partito coeso è peraltro anche l’unica in grado di offrire un futuro allo sviluppo dell’area atellana, che, a causa delle divisioni strumentali, perde consistenti opportunità di rappresentanza nei vari livelli Istituzionali e decisionali.
Interesse unitario e interesse rappresentativo coincidono: noi del PD abbiamo la responsabilità di dare piena consapevolezza al valore dell’unità, che non significa annullare il dibattito e il confronto tra le varie componenti interne, ma condurre a sintesi unitaria lo sviluppo del dibattito e del confronto con l’obiettivo di arrivare con la nuova campagna di adesioni 2014, alla formazione di organismi territoriali e sezionali dove siano rappresentate le varie idee e le posizioni di tutti.
La costruzione di un “Partito unitario” è indispensabile per radicare il Pd sul territorio, difenderne i valori e i progetti per crescere, per creare occupazione e sviluppo nelle nostre aree.
Questo deve significare una gestione condivisa dei temi particolarmente presenti nell’area atellana e che vanno dalle politiche ambientali a quelle del territorio, dalle politiche sociali a quelle sanitarie, dalla politiche del lavoro a quelle giovanili.
Bisogna arrivare unitariamente ad una politica per la crescita, l’occupazione e l’inclusione sociale in tutta l’area atellana; alla messa a punto di un progetto unitario dell’area atellana da sostenere con un’azione politica forte e strumenti finanziari adeguati.
Un progetto per attrarre nelle nostra zona nuovi investimenti a lungo termine per avviare e/o completare infrastrutture materiali e immateriali, l’energia, la difesa e valorizzazione dell’ambiente, la ricerca, la protezione della salute.
Proposte che vanno sostenute con adeguate presenze del nostro territorio nei vari livelli istituzionali per portare avanti politiche di coesione e favorire integrazioni e socializzazioni.
Ciò significa maggiore inclusione, lotta alla povertà, reddito minimo per chi non ce la fa. Non a caso la crisi in corso ha dimostrato il ruolo decisivo di stabilizzazione svolto dai sistemi di welfare nella nostra società. Sistemi che, a livello territoriale, vanno potenziati ed accresciuti.
Tutte iniziative ed obiettivi che passano necessariamente attraverso un forte processo unitario del nostri Partito per affermare e rivendicare il diritto di rappresentanza dell’area atellana nei vari livelli istituzionali.
Su queste premesse si può avviare un confronto aperto, mettendo le basi per la costituzione di un partito coeso forte e plurale capace di rappresentare le istanze di un intera zona, quella Atellana, ed essere all’altezza delle nuove e impegnative sfide!
Roberto Del Prete, vice commissario cittadino

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico