Sant’Arpino

4 Novembre, celebrazione in Piazza Umberto I

 Sant’Arpino. Si svolgerà domenica mattina, a partire dalle ore 9.30, la tradizionale celebrazione per la commemorazione dei Caduti in guerra, e per la festa delle forze armate e dell’unità nazionale organizzata dall’amministrazione comunale retta dal sindaco Eugenio Di Santo insieme con l’Associazione Combattenti e Reduci.

Il corteo formato dalle autorità politiche, militari e religiose e rappresentanti delle istituzioni scolastiche, partirà dall’ex casa comunale in via Mormile, attraverserà via De Gasperi, e giungerà in Piazza Umberto I dove saranno deposte le corone di alloro davanti ai monumenti in onore dei caduti.

“Quella del 4 novembre – dichiara il sindaco Di Santo – rappresenta una ricorrenza importantissima e, a distanza di più di 90 anni dalla ritrovata pace dopo la grande guerra, è bene continuare a ricordare questa importante data che restituì all’Italia, oltre alla serenità, una vittoria tanto sofferta. Per questo la nostra amministrazione ha deciso di organizzare una cerimonia solenne insieme con l’associazione combattenti e reduci e al presidente, a cui va il mio più sentito ringraziamento”.

“La prima guerra mondiale – continua – è un evento che ha segnato profondamente l’inizio del XX secolo portando a cambiamenti che non devono essere dimenticati perché non si costruisce niente cancellando il passato ma, proprio ciò che è stato fatto da chi ci ha preceduto nella storia, deve rappresentare un insegnamento per il futuro. E questo soprattutto per i giovani, perché a loro è demandato il compito di realizzare una civiltà diversa fondata sulla cooperazione tra i popoli, nella quale la parola guerra venga riportata solo nei libri di storia e non più letta sui quotidiani. Faccio i miei auguri, dunque, a tutti nostri soldati impegnati in missione di pace per difendere gli ideali di libertà e di democrazia su cui si fonda la nostra società”.

“Invito – conclude Di Santo – l’intera cittadinanza a prendere parte alla cerimonia di domenica mattina per ricordare insieme un momento fondamentale della nostra storia”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico