Santa Maria C. V. - San Tammaro

Giochi e magie in classe per favorire la raccolta differenziata

 Santa Maria Cv. Il gioco e il teatro per diffondere la cultura del rispetto ambientale tra i banchi di scuola. E’ l’obiettivo dell’iniziativa promossa dall’amministrazione comunale e dalla ditta Dhi per sensibilizzare i cittadini sulla raccolta differenziata.

“Il progetto – spiega il sindaco Biagio Di Muro – mira a proporre ai bambini uno stile di vita nuovo, che consenta di superare consumi eccessivi e gli sprechi collegati, radicando nelle giovani generazioni la consapevolezza che l’ambiente in cui viviamo è un bene fondamentale che va tutelato a tutti i costi”.

L’iniziativa fa leva sui tratti caratteristici del comportamento dei bambini: la curiosità, il gusto della scoperta, la naturale creatività. Ecco allora che Strega Monnezzona, Follettina Plasticartina e Buccia, tre buffi esploratori, accompagneranno i partecipanti in un percorso fantastico, alla scoperta di un “tesoro”.

In ogni tappa della “caccia”, i giochi e i racconti saranno il mezzo per spiegare la ricchezza del mondo della carta, della plastica e degli altri materiali riciclabili. I ragazzi delle scuole secondarie saranno allietati anche dallo spettacolo di Mago Francesco, che insegnerà – attraverso i giochi di prestigio – come effettuare una seria ma divertente raccolta differenziata dei rifiuti. Il progetto è stato avviato il 10 novembre e si concluderà lunedì 1 dicembre dopo aver toccato tutte le scuole primarie e secondarie della città.

“Si tratta – commenta l’assessore all’Ambiente Donato Di Rienzo – di una delle tante iniziative che abbiamo messo in campo per favorire l’aumento della raccolta differenziata. Non mi lascio andare a facile entusiasmi, ma è un dato di fatto che nel mese di ottobre la percentuale è stata del 56%. Dobbiamo non solo mantenere, ma incrementare questa quota: i bambini, in questo senso, possono aiutarci perché hanno la capacità di intuire meglio degli adulti la necessità di seguire norme di comportamento per ‘stare meglio’ nell’ambiente in cui vivono”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico