Mondragone - Carinola - Falciano del Massico

Rifiuti, Mascolo: “Tra disservizi e aumento di tassazione”

 Mondragone. La mancata raccolta differenziata dei rifiuti ed i cumuli di spazzatura indifferenziata in molte zone della città rappresentano, ormai una costante (passata e presente) del vivere quotidiano mondragonese.

Purtroppo lecampagnedi sensibilizzazione collettiva, non hanno avuto alcun effetto sulla risoluzione del problema. La città non risponde agli inviti di un’amministrazione, quella del duo Cennami – Schiappa, che percepisce sempre più inefficace e non attendibile.

La Tari, la nuova Tassa sui rifiuti, è l’unico elemento di coerenza! Tra le poche certezze a Mondragone, c’è quella di sapere che il costo del servizio della raccolta dei rifiuti, aumenta ogni anno. Così come ogni anno i dipendenti delle varie società che gestiscono il servizio, lamentano forti ritardi nella percezioni dei loro stipendi. Eppure in città, c’è chi effettua la differenziata, ritengo, che a costoro che contribuiscono a rendere più vivibile la loro città, bisognerebbe trovare modo di riconoscere un forma di contropartita in modo da incentivare questi comportamenti virtuosi.

A tal proposito, a seguito di alcune verifiche, ho avuto modo di apprendere che il ristoro riconosciuto al Comune di Mondragone per il servizio di raccolto differenziata dei rifiuti, per l’anno 2013 pare essere stato di circa euro 100mila, ciò che ha lasciato perplessi sia me che il gruppo politico di Intesa per Mondragone, è il fatto che tale somma, sia stato impegnata nel Bilancio di previsione del 2014 tra le voci di spesa relative ai beni di “Consumo e Materie Prime”, cioè a dire che con i soldi ottenuti grazie ai cittadini virtuosi, acquisteremo suppellettili varie che magari potevano essere finanziate con altre entrate.

Riguardo poi alla riscossione della Tares 2013 stimata in euro 5.741.000,00 pare che, ad oggi, l’ente abbia riscosso una percentuale ridicola pari a nemmeno il 7%, se confermato, tale dato farebbe pensare ad una evasione spaventosa. In proposito viene da chiedersi se questo è l’esito della lotta all’evasione tributaria, che Schiappa in campagna elettorale tanto sbandierava, quando diceva che, bisognava trovare gli evasori totali?!

Pare che, invece le imposte l’amministrazione le chieda sempre ai soliti noti, mentre una corposa fetta di residenti e di ospiti, senza fissa dimora, pur producendo rifiuti, probabilmente non paga e non pagherà nemmeno un euro della somma dovuta per la Tares 2013. Tutte domande che, sono certo, non avranno mai risposta da chi attualmente amministra la nostra città.

Purtroppo, il tempo non è statico, come questa nostra amministrazione frutto del ribaltone del 2013, e così alle problematiche, di cui parliamo da anni, quali quella dei Rifiuti, della Viabilità e della totale assenza dei servizi, vanno ad aggiungersi quelle nuove, come quella di una immigrazione selvaggia e priva di seri controlli. Problematiche vecchie e nuove di cui il duo Cennami – Schiappa non si cura. Il loro sodalizio, appare solido, solo perché basato sulla spartizione del potere, ma è chiaro a tutti che non hanno soluzioni per la Città.

Luigi Mascolo, consigliere comunale

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico