Italia

Sciopero “sociale” contro governo Renzi e Jobs Act: caos in 25 città

 Roma. Sono molti i disagi previsti per la giornata di venerdì a causa dello sciopero generale che investirà 25 città italiane.

I sindacati di base Cobas, Usi, Cub e Adl Cobas, hanno indetto la manifestazione, che prevede la partecipazione di un gran numero di studenti, precari e lavoratori, per protestare contro le politiche del governo Renzi, respingere il Jobs Act, la legge di stabilità e il piano di riforma della scuola.

Si prevede gran folla nelle piazze e nelle strade delle principali città italiane: in primis Roma e Milano. Possibili disagi nei trasporti: a rischio corse di autobus, metropolitane, filobus e tram. Caos per la circolazione automobilistica. Invariate le corse per le frecce di Trenitalia e i treni Italo, mentre si garantirà per il resto delle tratte una fascia di circolazione dalle 06 alle 09 e dalle 18 alle 21.

Indette nella Capitale, dieci manifestazioni, in particolare un corteo è partito alle 10 da piazza della Repubblica, diretto verso piazza Vittorio. Il questore Nicolò D’Angelo, ha presieduto un tavolo tecnico per definire le misure di sicurezza. Non si esclude che ci saranno blitz da parte delle forze dell’ordine, per evitare eventuali infiltrazioni di movimenti estremi o deviazioni di percorso.

A Milano, la Fiom ha indetto una protesta che partirà da Porta Venezia per raggiungere Piazza Duomo, con i comizi del segretario Maurizio Landini e Susanna Camusso, segretario generale Cgil.

Sciopero anche nelle fabbriche in Valle d’Aosta, Trentino, Piemonte, Emilia Romagna, Liguria, Lombardia, Veneto, paralizzando il centro nord. “Lavoro, legalità, uguaglianza, democrazia e diritti per tutti”, saranno questi i principali slogan dei manifestanti, sempre più sotto torchio per la mancanza di lavoro e l’aumento delle tasse.

“A partire dalla mezzanotte e per 24 ore- annuncia la Confederazione dei comitati di base -si svolgeranno picchetti, sit-in e azioni in luoghi significativi. Si tratta del primo sciopero che dura veramente 24 ore- fa notare il portavoce Cobas Piero Bernocchi -e nelle principali città le iniziative si susseguiranno nell’arco di tutta la giornata, fino alla mezzanotte”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico