Home

Gabriele Muccino al fratello: “Eri un grande attore, ora hai occhi opachi”

gabriele e silvio MuccinoSono prima che due fratelli, due rivali che hanno scelto di fare lo stesso mestiere. Forse nel modo diverso. Ed è per questo che divergono da anni, che, da anni, si scontrano e si insultano anche in maniera social.

L’inizio della guerra tra i Muccino si perde nella notte di tempi ed ogni tanto, a suon di tweet, i due se le dicono di santa ragione. L’argomento del contendere è il cinema e le manifestazioni che ognuno dei due da della propria arte. Dopo l’ultima lite del 2013, Gabriele, il fratello maggiore, ha ripreso, all’uscita dell’ultima pellicola che porta la firma di Silvio, “Le leggi del desiderio”, ad insultarlo.

L’accusa per il piccolo di casa Muccino sarebbe quella di essere “un manichino in mano all’amica Carla Vangelista”, tanto che, anche questa volta, Gabriele non ha resistito: “Il tuo film – ha intimato su Twitter – è di una signora che ti gestisce, come un ventriloquo il suo pupazzo, da un tempo ormai irreversibilmente lontano”. E ancora: “Eri un grande attore, e un grandissimo fratello. Ora i tuoi occhi sono opachi…”. “Ti auguro il meglio col tuo film, ma non farmi mai più leggere lanci di agenzie e interviste che infangano i nostri anziani genitori. Uso twitter perché alle mie email hai risposto minacciando via legale per tenermi a distanza. Quale distanza puoi mai colmare?”, insisteva ancora Gabriele qualche mese prima.

La risposta dell’attore di “Come te nessuno mai” e “Il mio miglior nemico” non si fece attendere: “A spingermi sono le parole, basse e infamanti, secondo le quali sarei stato “plagiato” e “sequestrato”: io, un uomo di 31 anni, e da chi? da Carla Vangelista, un’amica, una scrittrice che collabora con me da anni, ingiustamente offesa dalle deliranti accuse di Gabriele. Non riesco a leggere niente di costruttivo nel cuore di quelle dichiarazioni. Non vedo l’artista, che mai mi sarei aspettato cadere così in basso, al punto da trascinarmi per anni nel fango del pettegolezzo più bieco, e non vedo neppure il fratello perché Gabriele conosce benissimo i motivi del mio allontanamento”. A un anno di distanza da quella dura presa di posizione, questa volta invece Silvio ha scelto la via del silenzio. Almeno per ora e fino alla prossima replica.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico