Caserta

Arpac indica al Comune fasce orarie di maggiore inquinamento atmosferico

 Caserta. “L’Arpac ci ha fornito l’indicazione delle fasce orarie in cui sono stati riscontrati nell’ultima settimana i valori massimi di Pm10 in corso Giannone.

Tali riscontri si registrano dalle ore 20 alle ore 24 a causa dell’abbassamento della temperatura e, nei giorni prefestivi e festivi, nella circostanza del traffico automobilistico. Sulla scorta di questo approfondimento stiamo predisponendo i provvedimenti che vogliamo determinare all’insegna dell’efficacia per contrastare in maniera incisiva questi superamenti purtroppo stabilizzatisi negli ultimi giorni. Essi, peraltro, potrebbero subire un peggioramento anche a causa del prossimo periodo di accensione delle caldaie per il riscaldamento domestico”. Lo dichiara il sindaco Pio Del Gaudio.
“Il ventaglio dei provvedimenti che possono essere adottati – prosegue – è molto ampio. Le limitazioni del traffico veicolare possono essere totali o parziali e prevedere anche la circolazione a targhe alterne o a giorni alterni nonché il divieto all’attraversamento per i mezzi pesanti. Riguardo al riscaldamento possono essere definiti gli obblighi di riduzione di un grado dalla temperatura massima di 20 gradi o quelli delle fasce orarie di accensione, fino ad arrivare al divieto totale. Pari provvedimenti possono essere adottati per il divieto di sosta nell’area. Il nostro proposito, lo ribadisco, è quello della tutela della salute da perseguire con efficacia. Stiamo da giorni informando la cittadinanza di queste problematiche perché ogni azione dovrà essere condivisa riconoscendone il valore e l’obiettivo e anche i successivi comportamenti quotidiani dovranno essere improntati all’urgenza di limitare al massimo la circolazione automobilistica”.
“Voglio anche aggiungere e ancora precisare – conclude il sindaco – che la nostra città, in Campania, non registra valori massimi di inquinamento atmosferico come avviene a Benevento e Avellino, mentre Napoli e Salerno sono su tali questioni favorite dai venti provenienti dal mare, che provvedono a spazzare via l’inquinamento atmosferico. Vogliamo preservare questa condizione di capoluogo meno inquinato, programmando e mettendo in atto ogni provvedimento necessario”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico